5 dati statistici su Inter-Fiorentina che potresti non sapere

Articolo di
21 agosto 2017, 10:13
Mauro Icardi Inter-Fiorentina

Il campionato dell’Inter parte con una vittoria convincente, 3-0 sulla Fiorentina nella prima giornata della Serie A 2017-2018. Ecco i primi dati statistici della nuova stagione, proposti dalla partita di ieri sera contro i viola dell’ex Stefano Pioli.

QUATTRO – Gli anni dall’ultimo successo di un allenatore all’esordio sulla panchina dell’Inter: era capitato a Walter Mazzarri il 18 agosto 2013, 4-0 al Cittadella nel terzo turno eliminatorio di Coppa Italia. Roberto Mancini e Stefano Pioli hanno entrambi debuttato in un derby col Milan pareggiandolo (rispettivamente 1-1 e 2-2), mentre Frank de Boer e Stefano Vecchi hanno perso nella scorsa stagione (2-0 dal Chievo e 2-1 dal Southampton).

CINQUE – I gol consecutivi di Mauro Icardi alla Fiorentina. L’attaccante argentino non andava a segno dal rocambolesco 5-4 del Franchi dello scorso 22 aprile, quando aveva messo a segno una tripletta, poi era rimasto a secco tre partite prima di restare fuori per infortunio.

SETTE – Le reti segnate entro il 20′ nelle ultime tre partite tra Inter e Fiorentina giocate al Meazza. Il 27 settembre 2015 a segno Josip Iličić su rigore al 4′ e Nikola Kalinić al 18′ (gara poi finita 1-4), il 28 novembre 2016 addirittura 3-0 con i gol di Marcelo Brozović al 3′, Antonio Candreva al 9′ e anche lì Icardi, al 19′ (punteggio finale 4-2).

OTTO – Le stagioni dal precedente calcio di rigore in favore dell’Inter alla prima giornata di Serie A. Era stato trasformato da Samuel Eto’o al 56′ della partita contro il Bari del 23 agosto 2009, poi terminata sul punteggio di 1-1.

DODICI – Gli anni passati dall’ultima volta che l’Inter ha avviato il suo campionato vincendo 3-0 in casa. Il 28 agosto 2005 la squadra all’epoca allenata da Roberto Mancini aveva regolato il neopromosso Treviso grazie a una tripletta di Adriano Leite Ribeiro, realizzata a Samir Handanović. Curiosità: l’arbitro di quella partita era lo stesso di ieri sera, Paolo Tagliavento.