5 dati statistici su Inter-Chievo che potresti non sapere

Articolo di
15 gennaio 2017, 10:00
Inter Perisic Gagliardini Palacio Icardi

Il 3-1 al Chievo vale la sesta vittoria consecutiva contando tutte le competizioni e un’ulteriore risalita in classifica per l’Inter, che comincia a intravedere le zone alte della graduatoria. Ecco cinque dati statistici proposti dal successo di ieri sera.

QUATTRO – Le vittorie di Stefano Pioli in quattordici incroci con Rolando Maran, tutte in casa. Le altre tre erano arrivate con la Lazio l’anno scorso (4-1 il 24 gennaio 2016), con il Bologna quando l’attuale tecnico gialloblù guidava il Catania (4-0 il 30 settembre 2012) e con il Sassuolo in Serie B contro il Vicenza (2-1 il 23 gennaio 2010), poi cinque pareggi e altrettante sconfitte.

SETTE – I gol di Ivan Perišić in questo campionato, già eguagliato il bottino dell’intera scorsa stagione. Di questi ben cinque sono arrivati nell’ultimo quarto d’ora e hanno tutti portato punti, con le reti del vantaggio contro Crotone e Udinese e del pareggio contro Bologna e Milan.

QUINDICI – I punti guadagnati dall’Inter da posizione di svantaggio. Uno contro Palermo, Bologna e Milan, tre contro Pescara, Juventus, Udinese e adesso Chievo. Nelle precedenti tre stagioni quasi mai erano arrivate vittorie dopo essere stati sotto nel punteggio nel corso della partita.

SEDICI – I tiri totali dell’Inter (inclusi quelli non nello specchio della porta) nel primo tempo, contro l’unico del Chievo in occasione della rete di Sergio Pellissier. Nonostante questo dominio clamoroso il punteggio all’intervallo (e fino al 69′) era di 0-1, e il pareggio di Mauro Icardi è arrivato soltanto al venticinquesimo tiro su trentuno complessivi.

OTTANTACINQUE – I palloni toccati da Roberto Gagliardini nel suo (ottimo) esordio con l’Inter. Il centrocampista classe 1994 è stato il terzo più impegnato dietro a Ivan Perišić (ottantasei) e Geoffrey Kondogbia (novanta).