5 dati statistici su Inter-Atalanta che potresti non sapere

Articolo di
20 novembre 2017, 09:10
Icardi Škriniar Perišić Inter-Atalanta

L’Inter ritrova il successo e col 2-0 all’Atalanta sale di nuovo al secondo posto in classifica, confermando il miglior inizio di stagione dal 1950-1951. Dati statistici nuovamente confortanti e c’è anche un record raggiunto.

ZERO – Le precedenti trasferte nel 2017 dell’Atalanta in cui non era riuscita ad andare in gol, contando tutte le competizioni. Gli orobici avevano sempre segnato almeno una volta in diciotto partite fra Serie A, Coppa Italia ed Europa League, dopo uno 0-0 sempre al Meazza ma col Milan del 17 dicembre 2016.

DUE – Le partite da titolare giocate da Davide Santon nel 2017. L’unica altra volta era avvenuto il 28 maggio nell’ultima giornata dello scorso campionato, con la vittoria per 5-2 sull’Udinese, nell’anno solare poi aveva collezionato appena cinque subentri.

SEI – I gol segnati di testa dall’Inter su venticinque totali. È un record condiviso: raggiunta in testa a questa classifica la Juventus e pure il Chievo, che era arrivato allo stesso numero ieri pomeriggio.

NOVE – Gli anni passati dalla precedente vittoria di Luciano Spalletti contro l’Atalanta. Dopo un 2-0 del 28 settembre 2008 non era più riuscito a battere i bergamaschi, sempre alla guida della Roma: sconfitta per 3-0 nel ritorno della stessa stagione, 3-3 il 17 aprile 2016 e appena un punto lo scorso anno, con un KO per 2-1 esattamente dodici mesi fa e un pari per 1-1 il 15 aprile.

DUECENTOSESSANTA – I minuti senza gol per Mauro Icardi, che non segnava da un’altra doppietta, quella alla Sampdoria nel 3-2 dello scorso 24 ottobre. Mai l’attaccante argentino in questa stagione è rimasto a secco per tre partite di fila, il precedente digiuno più lungo era di 221′ durato dal rigore trasformato in casa del Bologna al primo vantaggio nel derby.