Ventura: “Mi presero per ubriaco quando convocai Gagliardini”

Articolo di
13 aprile 2017, 17:01

Il commissario della Nazionale, Giampiero Ventura, si toglie qualche sassolino dalla scarpa dopo le critiche per alcune sue convocazioni di giovani con poche presenze in Serie A facendo l’esempio di Roberto Gagliardini

IL RETROSCENA – Intervistato da “Radio 24”, il ct della Nazionale Giampiero Ventura ha parlato della svolta verso la linea verde da lui voluta fortemente e dei primi giudizi piovutigli a seguito della convocazione di Roberto Gagliardini, ora centrocampista dell’Inter: «Se riusciremo ad andare al Mondiale, con un mese per prepararci potremo ritagliarci uno spazio da protagonisti. Agli Europei avevamo la Nazionale più vecchia degli ultimi 30 anni. Era necessario un cambiamento. Devo ringraziare i club che mi hanno disponibilità di puntare sui giovani. Alle parole abbiamo fatto seguire i fatti visti i tanti under 23 che abbiamo fatto esordire. Quando ho convocato Gagliardini la prima volta aveva fatto 8 partite in Serie A, qualcuno diceva che avevo bevuto. Se non avessi avuto il coraggio di schierare quei giovani, forse poi loro non avrebbero fatto un campionato del genere. I giocatori che vengono allo stage arrivano con entusiasmo e voglia, capiscono cosa vuol dire l’aria della Nazionale».