Milito: “Palacio aveva bisogno di giocare. Esempio per Destro”

Articolo di
21 ottobre 2017, 14:32
Milito Palacio

Diego Milito ha parlato di Rodrigo Palacio e Mattia Destro all’edizione bolognese del Corriere della Sera sostenendo di non essere affatto sorpreso dall’ottimo inizio di stagione del Trenza che dal suo punto di vista necessitava solamente di spazio.

EX NERAZZURRI – «Sorpreso da Palacio? Solo chi non lo conosce poteva pensare che facesse fatica. Rodrigo è un grande professionista, un giocatore straordinario e una grande persona. Ultimi anni difficili? All’Inter, dove inevitabilmente hai meno spazi… Ero sicuro che nel Bologna si sarebbe ritrovato. Un giocatore deve avere continuità per fare bene, non puoi pensare che sappia fare la differenza nei ritagli che gli vengono dati. L’ho visto a inizio settimana e l’ho trovato bello carico. Ha la testa di nuovo libera, va in campo sereno, con la consapevolezza di poter essere importante per il Bologna, e soprattutto sapendo che ci sono una città e una squadra che in lui hanno una stima enorme. Ulivieri dice che potrebbe giocare in una delle prime? La penso come Ulivieri, Rodrigo sarebbe ancora utile a tutte le squadre, anche a quelle che pensano in grande. Ve l’ho già detto, stiamo parlando di un giocatore straordinario. Palacio deve giocare, uno della sua grandezza in panchina è sprecato. Se ricordo Destro quando giocava nella Primavera dell’Inter? Sì, a volte si allenava con noi, era un attaccante di grandi promesse. Mattia ora ha una grande fortuna, quella di avere vicino uno come Rodrigo. La prenda al volo e non se la lasci sfuggire. Deve ascoltarlo, parlare con lui, seguirlo, soprattutto prenderlo sempre come esempio, e di sicuro farà bene».