Libero: il PSG compra tutto grazie alla farsa del FFP

Articolo di
3 luglio 2015, 08:27
psg

“Libero” in edicola oggi si occupa del PSG e della farsa del Fair Play Finanziario che viene bocciato dal Tribunale di Bruxelles. Il PSG ha raggiunto il sostanziale pareggio di bilancio e dunque può spendere come meglio crede in questo mercato. Peccato che il tutto sia viziato da un trucco

PSG – La squadra della capitale francese è libera da qualsiasi tipo di vincolo di spesa. Questa notizia è destinata a creare clamore nel calciomercato internazionale vista la potenza di fuoco della proprietà qatariota. Perdita di bilancio limitata a 302.000 euro e quindi tutti contenti. L’UEFA non ha potuto che prendere atto del fatto che i parigini sono rientrati nei ranghi.

BILANCIO DOPATO Il bilancio dl PSG è però stato “dopato”. Alterato nel senso che i francesi sono riusciti a coprire le ingenti perdite grazie al sostegno della Qatar Tourism Authority. Un accordo di sponsorizzazione le cui cifre non sono mai state divulgate ma che fonti ben informate quantificano in cifre folli: almeno 150 milioni di euro a stagione. Dietro la Qatar Tourism Authority c’è lo stesso emiro Al Thani, proprietario del PSG.

RIPIANAMENTO – Un ripianamento del debito, mediante esborso dal portafoglio personale, mascherato attraverso una finta sponsorizzazione. Alla voce “altri ricavi” il PSG indica la cifra di 270 milioni mentre solo tre anni fa arrivava a soli 17 milioni.

Tutto questo si tradurrà nella possibilità di dare l’assalto ai più forti giocatori in barba alle regole che le altre squadre stanno faticosamente cercando di seguire!