GdS: sulla vendita dei diritti tv c’è la replica di Sky

Articolo di
21 maggio 2015, 08:03
sky

Ne abbiamo parlato ieri a seguito di una notizia dell’Ansa che ipotizzava una sorta di cartello tra Sky e Mediaset per la vendita dei diritti tv del calcio per il triennio 2015-2018. L’Antitrust ha avviato un’indagine e Sky ha precisato la propria posizione con una nota ufficiale:

ANTITRUST – Come riferisce Marco Iaria della “Gazzetta dello Sport”, il presidente dell’Antitrust, Pitruzzela, ha risposto in questo modo: «Abbiamo aperto un’indagine e questo non vuol dire nè che ci sia un illecito, nè un responsabile. Ci vorranno mesi di attività ed un’istruttoria lunga». Il termine delle operazioni è fissato al 30 aprile 2016.

SKY – Dal canto suo anche Sky ha voluto precisare la propria posizione sulla acquisizione dei diritti tv: «Sin dal giugno scorso Sky ha sostenuto con forza e coerenza in tutte le sedi che le sue offerte per i pacchetti A e B erano quelle vincenti ai sensi delle regole del bando», sostiene l’amministratore delegato Zappia. «La Lega, consigliata dal suo advisor Infront, ha deciso un’assegnazione diversa e Sky ha poi acquistato da Mediaset, con regolare contratto di sublicenza, i diritti tv sul pacchetto D. Sky non ha partecipato, quindi, a nessuna intesa», conclude Zappia.

Quindi sembrerebbe che la vicenda per l’assegnazione dei diritti tv in realtà non sia così misteriosa come si voglia far credere. Nei prossimi mesi comunque vedremo gli sviluppi dell’indagine dell’Antitrust.