Cassazione: “Il calcio fu inquinato da Calciopoli. Giraudo…”

Articolo di
29 luglio 2015, 09:04
cassazione

“Repubblica” in edicola oggi dà spazio alle motivazioni, rese note dalla Cassazione, del primo processo che ha visto Giraudo condannato e poi assolto dalla prescrizione del 24 marzo scorso. E’ stata riconosciuto l’inquinamento complessivo del sistema calcio in quegli anni

SISTEMA – «Un sistema ben organizzato costituito da soggetti a vario titolo e con vari ruoli intenzionati a porre in essere condotte penalmente illecite, dirette ad influire sul campionato di calcio di serie A 2004-2005», scrivono i giudici della Cassazione.

GRIGLIE – La portata “penalmente illecita” delle operazioni di predisposizione delle griglie arbitrali viene ripetutamente sostenuta dai giudici e «sono proprio i contatti diretti tra gli emissari della società che avevano concorso a predisporre le griglie arbitrali e l’arbitro definitivamente sorteggiato, a costituire la prova dell’inquinamento complessivo del sistema».

La Cassazione, quindi, ha confermato l’architrave del processo di Napoli basato sull’associazione a delinquere. Con l’entrata in scena della prescrizione si è punto e a capo.