Albertini: “Fa male vedere le milanesi fuori dall’Europa”

Articolo di
17 giugno 2015, 18:33
albertini

L’ex centrocampista e vicepresidente federale si augura che gli investitori stranieri possano aiutare le due milanesi a tornare ad alti livelli e dice la sua opinione critica sui discussi fondi di investimento tanto chiacchierati in questi giorni per il loro ingresso nel Milan.

L’ex centrocampista del Milan e della nazionale Demetrio Albertini ha partecipato alla mostra “Football Heroes-Storie di calciatori” organizzata da Aic e Gazzetta dello Sport. L’evento è stato anche l’occasione per Albertini di parlare di alcune tematiche legate al calcio italiano, in particolar modo per l’arrivo di capitali stranieri nelle due milanesi, ecco le sue dichiarazioni riportate da CalcioeFinanza: “La cosa non mi spaventa, ben venga chi ha voglia di investire nel Milan e nel calcio italiano per valorizzarlo e aumentarne il livello. Vedere le due squadre milanesi fuori dall’Europa fa male a tutto il movimento e se l’ingresso di nuovi investitori aiuterà Inter e Milan a tornare protagoniste in Italia e in Europa, ben vengano”.

CRITICA AI FONDI DI INVESTIMENTO- In questi giorni si parla tanto di fondi di investimento, soprattutto per quanto riguarda la collaborazione tra la discussa Doyen Sport e il Milan. L’opinione di Albertini al riguardo è parecchio scettica: “Quando un fondo gestisce i cartellini dei giocatori e contemporaneamente diventa consulente di mercato di un club, il rischio è che ci possa essere un conflitto di interessi. Io rimango dell’idea che i cartellini dei giocatori debbano restare di proprietà delle società calcistiche”.