ESCLUSIVA – Todeschi (CanaleSassuolo.it): “Inter, occhio al sinistro di Politano! Acerbi…”

Articolo di
22 dicembre 2017, 14:03
Politano Magnanelli

In vista della partita di Reggio Emilia in casa del Sassuolo, la Redazione di Inter-News.it ha avuto il piacere di confrontarsi con i colleghi di “CanaleSassuolo.it” per approfondire le principali tematiche della partita tra le due squadre. Ecco le risposte date dal collega Massimiliano Todeschi

PERICOLO SASSUOLO – Le sfide tra Inter e Sassuolo non sono mai banali, soprattutto considerando le vittorie neroverdi nelle ultime uscite. I neroverdi arrivano alla sfida motivati dal cambio in panchina che sta dando linfa a tutto l’ambiente, i nerazzurri in séguito alla prima sconfitta stagionale contro l’Udinese. Per l’occasione abbiamo avuto il piacere di intervistare il collega Massimiliano Todeschi, Direttore Responsabile di “CanaleSassuolo.it“: ecco il suo punto di vista su Sassuolo-Inter.

Il Sassuolo è passato dalla illusoria freschezza di Bucchi alla più concreta esperienza di Iachini: il cambio di marcia è netto?

Iachini ha portato subito qualche risultato positivo il che è ossigeno puro per la classifica e per il morale. Dopo gli iniziali esperimenti pare essersi focalizzato sul ricorso a un 4-3-3 che ben si adatta alle caratteristiche dei giocatori a disposizione, molti dei quali hanno lungamente utilizzato questo modulo con Di Francesco. Ora ci sono due partite delicatissime e la speranza è di riuscire a raccogliere punti: in quest’ipotesi Iachini diventerebbe di diritto San Beppe da Ascoli.

Dopo l’addio di Di Francesco e di qualche titolare di livello alcuni cambiamenti si sono notati, adesso la leadership tecnica sembra nei piedi di Politano: è il pericolo numero uno?

Politano è in gran forma, cerca spesso la porta e ha nel suo sinistro la sua arma migliore. Nelle ultime gare ha tentato quasi con ostinazione il tiro al volo dalla distanza peccando talvolta di eccessivo egoismo. La sua continuità di rendimento è l’arma in più del Sassuolo, anche nella gara di Coppa Italia persa con l’Atalanta il suo ingresso in campo, insieme a quello di capitan Magnanelli, ha permesso al Sassuolo di tentare di raddrizzare la partita.

Quali sono le armi di Iachini per affrontare e mettere in difficoltà l’Inter?

Il ricorso alle verticalizzazioni e al pressing sarà basilare, ma molto dipenderà anche dal grado di brillantezza degli esterni d’attacco, non solo del citato Politano, ma soprattutto di Berardi, tenuto a riposo nella gara infrasettimanale. Già contro la Sampdoria si sono visti alcuni progressi del talento calabrese anche sul versante della sua capacità di sacrificarsi per la squadra: speriamo possa far vedere presto i suoi colpi migliori.

Qual è la formazione prevista per sabato?

Si dovrebbe andare verso una sostanziale conferma dell’undici che ha espugnato il “Ferraris”, quindi davanti a Consigli si schiereranno da destra a sinistra Lirola, Goldaniga, Acerbi e Peluso. A centrocampo Magnanelli in regia sarà supportato da Missiroli e Duncan mentre in avanti con Berardi e Politano sarà ancora vivo il ballottaggio tra Matri e Falcinelli, con il secondo leggermente favorito.

La crisi di Berardi fa discutere e divide: è un ragazzo recuperabile oppure ha bisogno di cambiare aria? Il rischio è quello di rivivere un Balotelli bis per il calcio italiano…

L’affare Berardi sta assumendo i contorni di un enigma. Come accennato, qualche timido miglioramento si sta iniziando a intravedere, il patron Squinzi vorrebbe farne una bandiera del Sassuolo, ma non mi stupirei, nel medio periodo, di vederlo cambiare maglia per tornare a essere guidato dal suo mentore Di Francesco. Finché rimarrà a Sassuolo sarà sempre supportato, ha dato moltissimo alla squadra in momenti di difficoltà e il suo talento rimane indiscutibile: deve solo essere meglio indirizzato…

Acerbi ha realizzato un record straordinario, cento presenze consecutive senza saltare un minuto: Sassuolo è la sua dimensione o tra gennaio e luglio potrebbe ambire a una piazza di vertice? L’Inter ha bisogno di almeno un centrale difensivo e lui è in lizza…

Lo stesso Acerbi non ha mai negato di ambire a voler tornare in una grande squadra dopo la sfortunata esperienza al Milan. Avrebbe già dovuto lasciare Sassuolo, come da lui stesso preannunciato, già in questa stagione: credo che il prossimo anno sarà davvero la volta buona per lui per riuscire a fare il salto di qualità che merita. Dubito però che parta già a gennaio in direzione Inter o per un’altra piazza: la scelta di Cannavaro di raggiungere il fratello in Cina impone al Sassuolo di trattenere fino a maggio i centrali difensivi attualmente in rosa.

Si ringraziano Massimiliano Todeschi e il Dott. Gaetano Pannone di “CanaleSassuolo.it” per la disponibilità mostrata nella collaborazione. La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è consentita solo previa citazione della fonte Inter-News.it.

Clicca QUI per leggere anche il punto di vista di Inter-News.it sulla partita.







ALTRE NOTIZIE