ESCLUSIVA – Durante: “Touré? Basta spese folli! G. Jesus…”

Articolo di
10 giugno 2016, 13:24
Yaya Toure

Abbiamo intervistato in esclusiva l’agente FIFA, e grande esperto di calcio sudamericano, Sabatino Durante per chiedergli la sua opinione sul talento del Palmeiras Gabriel Jesus, Alex Teixeira e sul mercato dell’Inter in generale.

In questi giorni si parla con molta insistenza di Gabriel Jesus. Pensa che sia già pronto per giocare in un club come l’Inter?

«Gabriel Jesus è un ragazzo del ’97 con molte qualità ma lasciatelo crescere e giocare ancora 2-3 anni in Brasile e poi sarà pronto per fare bene in Europa. Sono dell’opinione che in Sud America ci siano molti prospetti interessanti ma solo 3-4 di loro potrebbero giocare da subito in un club importante italiano. La Serie A è un campionato che non sarà bellissimo come qualche anno fa ma rimane difficile da interpretare. Meglio per molti sudamericani passare per campionati meno complicati come quello portoghese o quello belga che possono essere un primo test più abbordabile».

Alex Teixeira invece potrebbe essere il rinforzo giusto per la squadra di Mancini (nel caso in cui lo Jiangsu dovesse girarlo all’Inter in prestito)?

«E’ un calciatore già affermato e certamente potrebbe essere da Inter a patto che lui si ambienti e che Mancini perda questo vezzo della cambiarella: il togli e metti è un esercizio edonistico eccellente ma nel calcio porta al mal di testa e spesso anche alla perdita di identità dei giocatori. Meglio scegliere più oculatamente i giocatori della rosa e dare più continuità alle scelte. Nell’Inter dello scorso anno a volte si è scelto troppo superficialmente (vedasi Melo, Kondogbia e Telles, solo per citare alcuni acquisti che all’origine ho criticato mentre si parlava e si scriveva del loro possibile arrivo) e a volte i giocatori sono stati tolti dal campo dopo una o due partite».

Di cosa avrebbe bisogno l’Inter per poter puntare alle prime posizioni della classifica?

«Credo che l’Inter debba acquistare almeno un giocatore per reparto per essere competitiva. Per puntare allo scudetto deve acquisire (però non si può comprare) personalità. Gli attributi o li hai o no…al mercato non ci sono. Candreva? All’Inter un buon esterno come Candreva può fare comodo ma se ci si deve svenare meglio cercare altri profili. Yaya Touré? Bisognava prenderlo qualche anno fa, oggi spendere quelle cifre (13 milioni netti d’ingaggio a stagione) non vale la candela. Facciamola finita con spese folli (Kondogbia docet!)».

Ringraziamo Sabatino Durante per l’intervista e per la disponibilità mostrata. La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è consentita solo previa citazione della fonte Inter-News.it

Facebooktwittergoogle_plusmail