Svelato l’arcano: ecco perché l’Inter non vince contro le piccole

Articolo di
5 maggio 2015, 19:01
mancini

In questa stagione, un evidente dato balza all’occhio riguardo la stagione dei nerazzurri: i punti lasciati per strada contro le squadre cosiddette “piccole” del nostro campionato sono veramente molti. Oltre ad un’evidente mancanza di mentalità vincente, c’è una ragione precisa se l’Inter non riesce a superare questo problema.

PUNTI LASCIATI PER STRADA – E’ incredibile pensare come la stagione dei nerazzurri potesse prendere una piega diversa se la squadra di Mazzarri prima e Mancini poi avesse centrato la vittoria contro le cosiddette piccole della Serie A. Alcune partite mal giocate e concluse nel peggiore dei modi gridano ancora allo scandalo per gap nel blasone e probabilmente anche nel valore dei singoli. I pareggi contro Cesena, Chievo e Parma, solo per citarne alcuni, le clamorose sconfitte interne contro Torino e Cagliari fanno pensare ad una stagione potenzialmente positiva gettata nel cestino. Se l’Inter non riuscirà a prendere l’ultimissimo treno che conduce alla prossima Europa League probabilmente bisognerà puntare il dito proprio su queste gare.

IL REALE MOTIVO – Tenuto conto di un problema tecnico nell’allestimento di una rosa oggettivamente non all’altezza del blasone nerazzurro, c’è una reale motivazione se l’Inter non è riuscita a superare un gran numero di avversarie sulla carta più abbordabili. Questo fattore è il dato statistico legato ai tiri in porta: il problema era già stato denunciato da Walter Mazzarri, ma con Roberto Mancini, nonostante l’Inter macini gioco e possesso palla è ancor più evidente. Spesso i nerazzurri concludono la gara con un numero di tiri totali elevato, superiori alle 20 conclusioni, ma di queste spesso solo il 20-30%, dati alla mano, è indirizzato verso la porta avversaria. Statistiche che invitano a riflettere sulla qualità dei singoli calciatori, con sottofondo l’inno alla concretezza, questa sconosciuta in casa Inter.

Facebooktwittergoogle_plusmail