L’Inter non perde quota in vetta e ottiene un primato: la situazione

Articolo di
21 settembre 2017, 01:08
Spalletti

Il mezzo passo falso dell’Inter a Bologna è stato accolto malissimo dalla critica, sia tra gli addetti ai lavori sia soprattutto tra i tifosi. La realtà dei fatti, però, dice un’altra cosa, soprattutto dopo aver completato il tabellone dopo il primo turno infrasettimanale della stagione: l’obiettivo prefissato, ovvero la Champions, è sempre a portata di mano grazie alle buone notizie che arrivano dalle classifiche relative a gol e scontri diretti

NUOVA CLASSIFICA – Al termine del turno infrasettimanale valido per la 5a giornata del Campionato Italiano di Serie A, il pareggio esterno dell’Inter nell’anticipo di martedì sera a Bologna (1-1) assume un valore particolare. La momentanea vetta solitaria è stata persa in favore di Juventus (1-0 striminzito sulla Fiorentina) e Napoli (1-4 in rimonta in casa della Lazio), uniche rimaste a punteggio pieno, ma a sole due lunghezze dall’Inter: 15 punti la coppia “scudetto”, 13 i nerazzurri. L’Inter di Luciano Spalletti c’è, sebbene l’obiettivo reale – e raggiungile solo attraverso il duro lavoro e il mercato invernale di riparazione – sia un altro, ormai da anni.

IN SCIA CHAMPIONS – Le vittorie del Milan (2-0 di rigore sulla SPAL) e del Torino (2-3 sofferto in casa dell’Udinese), oltre alla già citata sconfitta della Lazio, non smuovono più di tanto la situazione in ottica piazzamento Champions League per via degli avversari affrontati: il Milan insegue a quota 12 punti, dietro il Torino a 11 e poi la Lazio a 10. Ovviamente senza dimenticare la Roma (0-4 netto a Benevento), che con i suoi 9 punti deve ancora recuperare la trasferta di Genova contro la Sampdoria, attaccata a quota 8. E la Roma ha già perso lo scontro diretto casalingo contro l’Inter, che può godere di tre punti pesantissimi contro la principale rivale per la terza piazza.

PRIMATO DIFENSIVO – La notizia più interessante in casa Inter, nonostante la deludente prestazione di Bologna, è il primato ottenuto in solitaria dopo questo turno: il gol subìto dal Napoli a opera di Stefan de Vrij permette all’Inter di godere della miglior difesa del campionato con soli 2 gol al passivo, uno in meno di Napoli, Juventus e Roma (che ha sempre una partita in meno all’attivo). L’attacco, invece, è “solo” la terza forza con 11 gol fatti: guida il Napoli con 19, poi la Juventus con 14, mentre seguono Milan, Lazio e Torino a quota 10 (la Roma ne ha segnati 9). Certo, dopo cinque giornate è ancora presto per fare calcoli, ma è una piccola notizia: la stagione non è già compromessa come qualcuno vuole far credere, forse per comodità.