Lazio-Inter: Paolo o Giuseppe? Ecco chi ha vinto…

Articolo di
11 maggio 2015, 09:21

Abbiamo raccontato ieri la vigilia della partita Lazio-Inter vissuta da due tifosi interisti, Paolo e Giuseppe, entrambi accomunati da grande passione per la squadra di Mancini. Paolo più sanguigno mentre Giuseppe è un ragionatore. Ecco alla fine della gara le loro reazioni:

PAOLO – Paolo ha seguito come sempre la partita stando in punta al divano di casa. Agitato, nervoso e irrequieto. Ormai gli amici lo conoscono e lo lasciano da solo a guardarsi le partite e a sfogarsi con il televisore. Non appena segna la Lazio capisce subito che la sua sarà una serata di ansia e sofferenza, non osando immaginare l’esito finale. Si rasserena un po’ con il pareggio di Hernanes anche se non gradisce le ripetute sottolineature circa il possibile fuorigioco di Medel. “Per una volta che non ce ne fischiano uno contro…va bene così”, più o meno è questo il suo ragionamento. Resta meravigliato per le due espulsioni a favore ed esulta come se avesse vinto nuovamente la Champions al secondo goal di Hernanes. Quasi quasi fa anche lui la capriola! Da lì in poi è un contare spasmodicamente i minuti che mancano al triplice fischio finale. Quando arriva, è come una liberazione. La sua Inter ha vinto la terza trasferta di fila. Lui è al settimo cielo e crede ancora nell’Europa League!

GIUSEPPE – Abituato a vedere gli alti e bassi della sua Inter, Giuseppe si approccia alla visione con rassegnato entusiasmo. Si perchè vuole disperatamente tifare Inter, vuole tanto essere vicino ai suoi ragazzi. Ma non riesce ad avere più l’entusiasmo di un tempo e quello che ha oggi è, appunto, rassegnato. Al goal di Candreva non si stupisce più di tanto perchè vede lo sviluppo dell’azione laziale e le difficoltà nerazzurre: ovvio che sia così. Al goal in sospetto fuorigioco fa un sorrisetto pensando alle centinaia (forse esagera un po’) di reti annullate ingiustamente negli anni passati all’Inter…ora è il momento della compensazione, pensa Giuseppe. Con la concessione del rigore, poi, siamo all’apoteosi dei suoi sospetti: ci fischiano tutto a favore tanto siamo fuori dai giochi, il Giuseppe-pensiero. E’ felice al goal di Hernanes più che altro per il giocatore. Giuseppe è da sempre un suo estimatore e non si capacitava di come Mancini non utilizzasse il “Profeta” in precedenza. Alla fine della gara Giuseppe spegne il televisore con la consapevolezza che l’Inter potrà dire la sua in campionato al pari delle altre pretendenti. Potrà competere fino alla fine con qualche innesto mirato. Sarà una delle candidate alla vittoria finale…tutto questo però il prossimo anno!