Lazio-Inter: cosa si aspettano Paolo e Giuseppe…

Articolo di
10 maggio 2015, 18:12
lazio-inter

Vigilia di Lazio-Inter, partita in programma tra poche ore all’Olimpico di Roma. Due squadre che hanno ancora qualcosa da chiedere al campionato. Partita che mette in palio tre punti pesantissimi per entrambe. Come la affronta il supporter interista? Vediamo due esempi di tifosi in cui ognuno di noi può riconoscersi:

TIFOSO AGITATO – E’ un tipo di tifoso interista che soffre ad ogni partita in cui è coinvolta l’Inter. Si agita dal giorno prima, è irascibile con i suoi cari e con i suoi amici, sente la gara quasi come se fosse lui il protagonista. Anzi, spesso la sente molto di più. Questo tipo di tifoso, che chiameremo Paolo, spera che l’Inter vinca questa sera per continuare la rincorsa all’Europa League. Ci crede, Paolo, eccome se ci crede all’Europa. Non può tollerare una stagione di solo campionato, non è nel suo DNA. Questa sera, dunque, Paolo sarà in agitazione massima per cercare, da casa, di aiutare i suoi eroi a proseguire la striscia positiva in trasferta. Vuole che si torni a Milano con i tre punti.

TIFOSO REALISTA – E’ un tipo di tifoso che, al contrario di Paolo, ragiona molto sulla sua squadra. E’ appassionato ma sensibile anche alle vicende societarie dell’Inter. Questa settimana ha fatto molti più ragionamenti sulle sanzioni UEFA che sulla gra di oggi ed è arrivato ad una conclusione: comunque vada, lui alla fine di Lazio-Inter sarà soddisfatto. Giuseppe, questo il suo nome, ha deciso che, se fosse per lui, sarebbe meglio stare fuori dall’Europa per un anno per poi ripresentarsi alla grandissima nella stagione successiva. Vuole un mercato estivo gagliardo e senza troppi vincoli. Sogna lo scudetto il prossimo anno o almeno un piazzamento tra le prima tre. Ritiene inutile l’Europa League e vorrebbe dire a Paolo di stare tranquillo e godersi la gara.

Chi ha ragione tra i due? Probabilmente tutti e due. Le opinioni sono insindacabili a maggior ragione quando si parla di calcio e di tifo. Noi possiamo solo augurare ad entrambi una felice partita per il bene comune dell’Inter. Come sempre…

Facebooktwittergoogle_plusmail