Jovetic, mister duttilità: tutte le possibilità per Mancini

Articolo di
1 agosto 2015, 17:02
jovetic

Stevan Jovetic è l’attaccante che Mancini cercava per risollevare l’attacco e garantire imprevedibilità negli ultimi trenta metri. In base al sistema di gioco che il tecnico di Jesi sceglierà, saranno molti i possibili ruoli dell’ex Fiorentina e Manchester City. Vagliamo tutte le possibilità tattiche

JOVETIC, SECONDA PUNTA PURA – L’excursus tattico sul ruolo che ricoprirà Stevan Jovetic parte dall’attualità e dal 4-3-1-2, modulo ad oggi provato da Roberto Mancini in tutte le amichevoli estive, in attesa che il mercato garantisca l’arrivo di un esterno puro (il nome di Perisic resta attuale). Il montenegrino potrebbe ricoprire alla perfezione il ruolo di seconda punta al fianco di Icardi, con alle spalle Hernanes, garantendo velocità, qualità e assist. Il ruolo di attaccante puro accanto ad una punta vera sarebbe forse il preferito dell’ex Manchester City che negli ultimi anni ha imparato a preferire la vicinanza alla porta, diventando letale negli ultimi metri.

JO-JO NEL TRIDENTE – Se, come è probabile, il mercato porterà in dote un nuovo attaccante esterno con Shaqiri in uscita, a quel punto Jovetic potrebbe essere schierato in un tridente letale con Icardi punta e appunto il nuovo acquisto in sostituzione dello svizzero ex Bayern Monaco. Molti non credono che il montenegrino possa giocare da esterno puro e infatti crediamo che Mancini abbia in mente un tridente molto dinamico, con continui scambi di posizione e triangolazioni al veleno. Quasi un 4-3-2-1 più che un 4-3-3, per gli amanti dei numeri.

POSSIBILE TREQUARTISTA? – Secondo diverse testate, invece, Jovetic potrebbe giocare qualche metro indietro diventando un temibile trequartista nel 4-2-3-1 o nel 4-3-1-2. Pur sottolineando nuovamente la duttilità del montenegrino, crediamo che il calciatore si sia evoluto come attaccante vero rispetto alle prime esperienze a Firenze. In caso di necessità, potrebbe anche essere schierato da 10, ma al momento riteniamo che Mancini abbia in mente altro per sfruttare al meglio il calciatore che ha voluto ad ogni costo.