Sabatini telefona a Sabatini in Cina: si sblocca il mercato Inter

Articolo di
9 gennaio 2018, 16:59

Le mancate vacanze natalizie non hanno giovato alla stagione dell’Inter, che ha perso di vista oltre metà degli obiettivi ipotizzati un mese fa, eppure si riesce a trovare sempre il modo per superare vette inattese: è appena iniziato il mercato di riparazione, sarà un gennaio da ricordare. Parola d’ordine? Sabatini. Ecco la dodicesima puntata della rubrica ironica di Inter-News.it: #InterIsComic

SOSTA IN CORSO – Terminato il campionato dopo l’1-1 di Firenze, è tempo di mercato. L’Inter ha concluso la sua stagione al terzo posto, potenzialmente al quarto se la Lazio battesse l’Udinese nella partita da recuperare, potenzialmente quarto e mezzo tendente al quinto se la Roma battesse la Sampdoria nella partita da…. Ah, ma quindi il campionato non è ancora finito? Giusto, buono a sapersi. E’ arrivata la sosta natalizia, ma Natale è passato da un pezzo. Sosta di gennaio? Chiamiamola come volete, sta di fatto che il campionato è fermo. Per due settimane. Due terribili settimane senza calcio. E con il mercato. Tanto mercato. Troppo mercato. Tranne che per l’Inter.

MERCATO IN CORSO – Il mercato apre il 3 gennaio a mezzanotte. Anche quello dell’Inter apre il 3 gennaio a mezzanotte. Il mercato chiude il 31 gennaio alle 23.00. Anche quello dell’Inter chiude alle 23.00, ma alle 23.00 del 2 gennaio. In pratica il mercato dell’Inter chiude senza aprire perché c’è il Fair Play Finanziario e la UEFA minaccia. Perché il Governo Cinese non vuole far spendere soldi a Suning in ambito calcistico. Perché per Piero Ausilio la rosa è difficilmente migliorabile. Perché l’80enne madre di Spalletti (che comunque atleticamente offre più garanzie dell’ultimo Joao Mario e fisicamente non può essere messa peggio di Eder dopo le feste, la madre eh) non si è esposta più di tanto: sì, è vero, manca un centrale difensivo, ma si può andare avanti con i Bastoni anche senza le Carote. Per fortuna c’è Sabatini, la risposta a tutte le domande. Anche quelle mai fatte.

SABATINI IN CORSO – Sabatini è un personaggio curioso. Sabatini vive in Italia, ma lavora in Cina. Sabatini parla italiano, ma pensa in cinese. Sabatini è Walter, ma non è né Zenga né Mazzarri. Sabatini fa il mercato dell’Inter, ma anche quello dello Jiangsu. Il fatto che entrambe le squadre di Suning non facciano mercato dal ’99 è solo un dettaglio. Lo stipendio di Sabatini è pagato da Zhang, che sta in Cina. Zhang Jr invece sta in Italia, ma non elargisce soldi a Sabatini, piuttosto li spende in macchinoni. Sabatini fa mercato senza soldi, ma per fortuna ha un’ottima promozione sulla linea telefonica. Chiama in Cina, Sabatini: «Mi date Ramires?». Rispondono dalla Cina, a Sabatini: «Devi parlarne con Sabatini». Che stupido, pensa Sabatini: «Pronto, Sabatini?».«Sì, dimmi».«Mi dai Ramires?».«Ma chi sei?».«Sono Sabatini».«Ah OK, comunque no: è incedibile».«Va bene, Sabatini».«Ciao, Sabatini». Quando l’uomo Sabatini-Inter incontra l’uomo Sabatini-Jiangsu, l’uomo Sabatini-Inter è un uomo senza soldi. Senza soldi non si fa mercato. Ma cosa si legge in giro? Che Sabatini è volato in Cina per sbloccare il mercato dell’Inter con Zhang in persona. Forse ha finito il credito telefonico, Sabatini. O forse a Nanchino lo attende il Coordinatore dell’Area Tecnica di Suning Sports. Chi? Sabatini, ovvio. Viva il calciomin… mmm… ercato.