Corsa all’Europa: la Juventus giudice supremo

Articolo di
27 aprile 2015, 11:22
juventus-inter

Da un’attenta analisi del calendario si nota come tutti e due gli avversari dell’Inter nella corsa al sesto o quinto posto debbano affrontare la Juventus, proprio come i nerazzuri. Proprio lo scontro con la vecchia signora rischia di fare la differenza, per tre punti che potrebbero rappresentare la discriminante fondamentale nell’assegnazione degli ultimi posti europei.

UN FINALE IN BIANCO E NERO – Il calendario a questo punto ha una valenza meno relativa del solito: ad una prima occhiata, quello dell’Inter, sembra il più arduo. Lazio, Udinese e Genoa in trasferta: Juve in casa con Chievo ed Empoli le più abbordabili, sulla carta. La Sampdoria dovrà affrontare la Juve sabato prossimo a Marassi e la Lazio, con la trasferta di Palermo a completare il trittico dei match più complicati, senza sottovalutare l’impegno settimanale con il Verona in grande forma di Luca Toni. La squadra blucerchiata così come quella di Montella, per di più impegnata in Europa, sembrano piuttosto in calo. Viola che mercoledì andranno a Torino contro la Juventus, a rischio porte chiuse dopo la bomba carta nel derby: il loro è il calendario meno complicato ma l’intermezzo col Siviglia rischia di rubare molte energie psico-fisiche ed inciampare nei match più favorevoli, come accaduto ieri pomeriggio al Franchi contro il Cagliari. Da ricordare che, in caso di arrivo a pari punti, valgono gli scontri diretti: con la Fiorentina l’Inter è in svantaggio, per cui ad oggi si trova non a 4 punti bensì a 5 lunghezze dall’Europa. Così come dalla Smapdoria, pari gli scontri diretti ma ad oggi una miglior differenza reti degli uomini di Mancini: +10 contro un +5 dei genovesi. La corsa è tutta aperta.