Che estate sarà per il tifoso dell’Inter? Piccola guida all’uso

Articolo di
11 giugno 2015, 09:30

Campionato finalmente terminato e “spauracchio Triplete” juventino passato per fortuna sabato sera, vediamo insieme cosa resta al tifoso interista per ingannare il tempo in attesa della riapertura della stagione ufficiale presumibilmente l’ultima settimana di agosto. Che speranze e che sogni si possono onestamente coltivare e quali, in realtà, le “bufale” più grandi alle quali potrà andare incontro. Facciamo un gioco insieme:

AMICHEVOLILa gita in Asia rappresenterà il punto più alto, agonisticamente parlando, della preparazione estiva. Si avrà l’occasione di incontrare squadre blasonate che ormai da troppo tempo non si affrontano più in sfide ufficiali. L’occasione buona per respirare l’aria delle grandi sfide che riportano a soli 4-5 anni fa, tempo in cui esisteva un’altra Inter per ambizioni e risultati. Al rientro, qualche ulteriore test e poi l’inizio del campionato avendo scongiurato i turni preliminari di Europa League.

COLPI IN USCITA – Il tifoso nerazzurro dovrà avere molta pazienza quest’estate: il mercato in uscita riserverà sicuramente qualche sorpresa. Bisognerà attendere il mese di luglio per capire meglio la situazione ma una partenza eccellente, se non due, bisogna preventivarla. Questo è un passatempo che terrà occupati parecchio: decidere, dal punto di vista del tifoso, chi cedere e chi invece trattenere a Milano. Kovacic resta o parte? Handanovic deve avere il rinnovo dopo aver manifestato la voglia di cambiare aria? Guarin farà ancora vedere le sue scorribande sul prato di San Siro oppure no? Insomma, un bel po’ di temi su cui ricamare e pontificare, come se si fosse dei veri direttori sportivi.

COLPI IN ENTRATAAncora più delicato il settore dedicato ai colpi in entrata. E qui la fantasia, la voglia di primeggiare e la speranza di uscire dal tunnel in cui la squadra è entrata, la fanno da padroni. Si seguirà voracemente tutto ciò che possa dare conforto al tifoso deluso che cerca delle notizie rassicuranti come l’assetato nel deserto. Alcuni “top player” hanno già bellamente snobbato l’Inter nonostante gli attestati di stima di Mancini che evidentemente può arrivare fino ad un certo punto. Altri di fascia media vengono puntualmente accostati alla squadra nerazzurra ma per ora non scatenano alcuna emozione. Questo è il grande problema del mercato targato Thohir: non genera sane emozioni, il tifoso non sogna più e di conseguenza si allontana dalla squadra. Peccato perchè la passione non manca ma deve necessariamente essere alimentata.

MANCINI – Si inizia a temere per la permanenza di Mancini sulla panchina dell’Inter. Ci si chiede quanto le delusioni di avvio mercato (una su tutte quella legata a Yaya Tourè) possano pesare sull’umore del tecnico jesino, abituato ad avere una squadra ricca di campioni e di personalità con cui tentare di vincere. Non è il caso dell’Inter attuale e questo è ben chiaro. Che farà Mancini? Un mesetto al massimo e si saprà.

MILAN – Un ultimo tormentone destinato ad avvelenare le notti estive dei tifosi nerazzurri è chiamato Milan. Con l’arrivo degli asiatici ci saranno maggiori capitali da spendere e Doyen Sports promette di agevolare i trasferimenti di suoi giocatori verso Milano. Già, Doyen Sport. Ne abbiamo parlato ieri e ne parleremo ancora così come il tifoso interista ne parlerà. Probabile che cambi il modo di fare mercato nella nostra serie A, probabile che cambino alcuni scenari. Sicuramente il tifoso nerazzurro vede tutto questo come un problema comprendendo che la sua squadra subirà passivamente questi nuovi protagonisti. E con una Juventus che sembra non avere rivali, in Italia, la situazione non è delle migliori.

Che fare quindi? Da dove ripartire per non avere un’estate avvelenata?

Bisogna ripartire dalla passione per i colori nerazzurri, dalla passione che sfocia in tifo vero e sincero, dalla voglia di andare allo stadio nonostante le numerose e comode offerte di calcio in tv. E’ necessario ritornare a credere nell’Inter, nella sua storia e nella sua capacità di tornare a grandi livelli. Non sappiamo quando succederà ma siamo certi che i tifosi uniti potranno dare una grossa mano alla squadra.

Insomma, durante l’estate il tifoso interista dovrà allenarsi a gridare sempre più forte: FORZA INTER!!!