TS: “Motta o Lucas Leiva insieme a Touré, in attacco…”

Articolo di
17 maggio 2015, 13:27
lucas leiva

Dopo l’ennesima sconfitta subita a San Siro Roberto Mancini sembra essere sempre più intenzionato a chiedere alla società di rinforzare la squadra con una serie di giocatori d’esperienza in grado di aiutare il resto della rosa a fare un salto di qualità sia dal punto di vista tecnico che sopratutto da quello caratteriale. Secondo quanto riporta l’edizione odierna di “Tuttosport” sarebbero diversi i nomi individuati dal tecnico jesino tra cui però troviamo anche quello di un giovane, ovvero il talento dell’Olympique Lione Nabil Fekir.

DIFESA E CENTROCAMPO – Il sogno rimane ovviamente Yaya Touré del Manchester City ma oltre a lui il Mancio vorrebbe portare ad Appiano Gentile almeno un altro centrocampista con Thiago Motta e Lucas Leiva come maggiori candidati: il contratto dell’ex eroe del Triplete con il PSG scadrà nel giugno del 2016 e non sarà quasi certamente rinnovato mentre il mediano brasiliano era stato ad un passo dal vestire la maglia dei nerazzurri già nell’ultimo mercato di gennaio. Per quanto riguarda la porta si continua a sperare nell’arrivo di Petr Cech nel caso sempre più probabile in cui Samir Handanovic decida di chiedere la cessione. Il quotidiano torinese rivela anche che sarebbero molto vicini gli acquisti di Ervin Zukanovic dal Chievo e di Jonathan Biabiany che tornerebbe così all’Inter dopo quattro anni e mezzo dal suo addio (bisognerebbe comunque capire se l’esterno francese ha risolto i suoi problemi al cuore che lo tengono fermo dallo scorso settembre).

ATTACCO – Dopo aver perso Paulo Dybala si continua a cercare una seconda punta che possa affiancare Mauro Icardi (preferibilmente in grado di adattarsi anche al ruolo di esterno sinistro nel 4-2-3-1 o in un 4-3-3) e dare così il cambio a Rodrigo Palacio. Mancini sembra essere un grande estimatore di Nabil Fekir ma molto difficilmente in presidente del Lione Aulas deciderà di lasciarlo partire in estate; il suo obiettivo sarebbe infatti quello di aspettare la definitiva esplosione del ragazzo, come capitato in questa stagione con Lacazette, per ricavare molti più soldi dalla sua cessione. Anche se un’offerta di 20/25 milioni (quelli offerti al Palermo per l’argentino) potrebbe farlo vacillare.