Tanti nomi e poca sostanza, ma la difesa? Murillo non basta

Articolo di
10 giugno 2015, 12:49
Murillo

Benatia è stato il grande nome cercato dall’Inter per porre fine all’incubo difensivo Juan Jesus-Ranocchia. Inter che forse ha puntato in alto, troppo in alto, visto che sia il Bayern che il giocatore hanno rispedito al mittente l’interesse. Dopo di che, non si vedono nomi all’orizzonte che possano porre rimedio al disastroso pacchetto centrale. Murillo basterà?

UN NOME FORTE PER SPAZZARE VIA LE PAURE – Al di là di Benatia, da inizio mercato, tanti nomi hanno cominciato a circolare attorno alla società nerazzurra, dei più svariati reparti. Meno che per quanto concerne la zona nevralgica, quella centrale di difesa dove senza dubbio l’Inter, ad oggi, presenta le maggiori lacune. Ricominciare dalla coppia sopra citata è improponibile, Vidic è un enigma e Murillo non può bastare di certo a rassicurare i tifosi nerazzurri e Mancini stesso. Dando uno sguardo sull’altra sponda del Naviglio si sentono nomi quali Hummels o Godin, che al 99% rimarranno dove sono o certo non vestiranno la maglia rossonera. Ma l’Inter cosa fa, chi cerca? Ma sopratutto, lo vuole davvero un altro difensore centrale? Murillo prenderà numericamente il posto del partente Andreolli, dopo le pessime prove Juan Jesus rimarrà nella zona centrale, ragion per cui si cerca Kolarov o chi per lui così da completare il quartetto di terzini: serve uno stopper e usiamo questa parola ormai antica proprio per indicare la necessità di reperire sul mercato quel marcatore vecchio stampo di cui tanto avrebbe bisogno la beneamata. In Italia o in giro per l‘Europa qualcosa meglio degli attuali titolari si può certamente trovare, così come cosa buona e giusta sarebbe riservare un bel po’ del budget stanziato fra attaccanti e centrocampisti per un difensore centrale degno di indossare la maglia nerazzurra. Altrimenti, ancora una volta, si rischia di avere una coperta troppo, troppo corta.