Sugoni: “Ecco chi è l’obiettivo dell’Inter Sergi Darder”

Articolo di
20 maggio 2015, 14:40
Darder

Il giornalista di “Sky Sport” Alessandro Sugoni ha parlato del centrocampista del Malaga Sergi Darder nel suo editoriale per “Calciomercato.it”. Lo spagnolo classe ’93 è uno degli obiettivi principali del tecnico dell’Inter Roberto Mancini per rinforzare la mediana nerazzurra in vista della prossima stagione nella quale si farà il possibile per ritornare in Champions League.

PUNTI FORTI – Darder viene considerando come l’esempio perfetto di centrocampista in grado di fare le due fasi: “Sostanza, maturità e soprattutto personalità. Qualità che in campo possono fare la differenza sempre: un po’ di più se a possederle è un centrocampista di soli 21 anni. E non è un caso che Sergi Darder sia già uno degli uomini mercato designati per la prossima estate. Grande recuperatore di palloni che però sa fare benissimo anche tante altre cose, è stato uno dei protagonisti della bella stagione del Malaga. Ha un modo di giocare aggressivo, ed a volte a dir la verità anche duro – cosa che gli è costata 10 ammonizioni in questa Liga – ma possiede anche buoni doti tecniche ed una visione di gioco che lo rendono valido anche nella fase di impostazione del gioco”.

DOVE PUO’ MIGLIORARE – Ovviamente ci sono anche tanti punti in cui può e deve far meglio come ad esempio gli inserimenti senza palla: “Non è velocissimo, ma a questo sopperisce con il suo moto perpetuo e con la capacità di trovare sempre la soluzione migliore per lo sviluppo della manovra. Nonostante abbia un buon tiro da fuori, non calcia spessissimo in porta, ma quando lo fa sa essere sempre pericoloso (e i quattro gol segnati in campionato ne sono la dimostrazione). Un aspetto in cui può crescere invece è quello degli inserimenti offensivi senza palla nell’area avversaria. Arrivato a grandi livelli quasi per caso (dopo che l’Espanyol, in cui era cresciuto, lo aveva lasciato andare via a costo zero) nel Malaga si è costruito un inizio di carriera che fa prevedere una grande futuro”.

PRONTO PER IL SALTO DI QUALITA’ – La squadra di Mancini dovrà però sbrigarsi perché sul giocatore sembra ci sia il forte interesse da parte del Porto: “Dal club alla Nazionale under 21 il passo è stato quasi immediato ed ora – nonostante un contratto fino al 2018 – sembra davvero pronto per un ulteriore, successivo, salto in alto. Chi lo vuole (e l’Inter ci sta facendo più di un pensiero) deve fare in fretta, perché il Porto è pronto ad accelerare. Come sempre, quando si tratta di giocatori giovani, bravi e forti”.