Spinosi: “Miranda è un rinforzo, ma se vendi Kovacic…”

Articolo di
17 giugno 2015, 17:33
miranda

In questi giorni il mercato dell’Inter sta entrando nel vivo e si comincia a giocare a carte scoperte sui nomi dei giocatori vicini a vestire la casacca nerazzurra  IlSussidiario.net ha interpellato, a tal proposito, l’agente Fifa Lodovico Spinosi, grande esperto di calcio sudamericano.

MIRANDA – Il 31enne difensore centrale dell’Atletico Madrid sembra essere l’acquisto più facilmente raggiungibile, soprattutto dopo la presunta telefonata in cui Galliani pare aver comunicato a Fassone l’uscita del Milan dalla trattativa. Spinosi, che conosce bene il brasiliano, dice la sua:
“A 31 anni credo sia un giocatore importante e, sicuramente, sarebbe un rinforzo notevole per la difesa dell’Inter, considerando gli attuali difensori. L’età? Ha 31 anni e non è un giocatore con problemi fisici. Considerando che ormai l’età di ritiro di un giocatore è 35-36 anni credo possa giocare ancora un paio di stagioni ad alti livelli“.

MURILLO – Già dell’Inter da qualche mese, il colombiano Jeison Murillo è il primo tassello che comporrà la prossima linea difensiva di Roberto Mancini. Classe 92, già quattro presenze nella Nazionale maggiore, Spinosi dice di lui:
“Su Murillo c’è la garanzia dei Pozzo che lo hanno scelto per il Granada, diciamo che sulla carta potrebbe essere una buona coppia difensiva”.

KOVACIC-KONDOGBIA – Un capitolo a parte merita la querelle attorno alla cessione di Mateo Kovacic, osteggiata da buona parte della tifoseria, unico pezzo pregiato di casa Inter che potrebbe portare soldi freschi nelle casse della società:
“Lui ha molto calciomercato, l’Inter certamente ascolterà solo le richieste più importanti. E’ normale che, se poi vendi Kovacic, dovrai puntare su un calciatore di grande livello. Come Kondogbia? Esatto, anche se i due ovviamente sono diversi da tutti i punti di vista, però si tratta di un giocatore importante. Non è facile prendere il francese, vista la concorrenza e soprattutto perché il Monaco ha fissato il prezzo”.