Simeone gioca sullo stesso tavolo dell’Inter: V for… terzino

Articolo di
15 ottobre 2016, 21:42
Simeone

Continua la caccia al terzino – possibilmente destro – per gennaio, ma l’Inter non è l’unica squadra a dover cambiare almeno un esterno basso: in Spagna sia Simeone sia Luis Enrique sono pronti a cambiare la propria riserva a destra e l’Inter è costretta a monitorare la situazione

DA VRSALJKO… – Nel sonoro 7-1 in rimonta dell’Atletico Madrid contro il Granada, l’unica vera conferma per Diego Simeone è l’eterna panchina per Sime Vrsaljko: il terzino croato classe ’92 non riesce a ritagliarsi un po’ di spazio neanche nelle rotazioni, diventando un vero e proprio oggetto misterioso all’ombra del titolare Juanfran. A gennaio Vrsaljko potrebbe lasciare immediatamente l’Atletico e si parla anche di un possibile ritorno in Italia, nel frattempo Simeone si sta già guardando intorno per trovare un sostituto più adatto per la sua filosofia di gioco, andandolo a pescare direttamente in Spagna. Anche Frank de Boer attende un terzino destro con determinate qualità, per questo la situazione si fa intrigante.

… A VIDAL – L’ultimo nome finito sulla lista dell’Atletico alla voce terzino destro è Aleix Vidal, altra eterna riserva del campionato spagnolo: Luis Enrique non punta minimamente sul terzino spagnolo classe ’89, che ha già annunciato in anticipo il suo addio al Barcellona, possibilmente a gennaio. Così come Vrsaljko, anche Vidal rappresenta una possibilità per l’Inter, che a gennaio piazzerà sicuramente un colpo sull’out destro della difesa: sebbene il primo nome sulla lista sia Matteo Darmian – altro epurato di lusso, in questo caso dal Manchester United di José Mourinho -, l’ipotesi terzino dalla Liga non va sottovalutata. Vrsaljko o Vidal, V for terzino: la scelta di Simeone condizionerà anche quella dell’Inter?

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.