Reparto portieri, en plein azzurro: il sogno è Perin

Articolo di
22 maggio 2015, 12:09
Perin

L’unico certo di restare è Tommaso Berrni, su questo non si discute, visto il già firmato rinnovo sino al 2016 del terzo portiere nerazzurro. Certo anche l’addio di Carrizo, con il possibile arrivo come secondo del buon Mirante a paarametro zero dal Parma: il cerchio azzurro può chiudersi col sogno Perin, in sostituzione del partente Handanovic. 

PERIN, I SOGNI SON’ DESIDERI…CARI – Fra tutti i nomi avanzati quali eredi di Samir Handanovic, Mattia Perin è senza dubbio il meno economico. Non si abbandonano le strade a costo zero che portano ai vari Romero e Cech, il cui ingaggio è ovviamente superiore a quello del portiere italiano, ma sabato sera un colloquio sul classe ’92 ci sarà. E’ senza dubbio il miglior prospetto italiano, per distacco, capace già di vivere due stagioni da assoluto protagonista all’ombra della lanterna, attirando su di sè l’interesse di grandi club anche esteri, quali il Liverpool o in italia della Roma. Il costo del cartellino, conoscendo anche il buon Preziosi, è destinato a non scendere sotto i 15 milioni di euro: cifra che solo parzialmente potrà essere recuperata dall’eventuale cessione di Handanovic, più anziano di 8 anni e sul quale sembrano tutte chiuse le porte di grandi club, che disputano quella Champions tanto cara allo sloveno. La Roma sembra virare su Romero, il Napoli sul ritorno di Reina mentre i top club europei non mostrano buchi in quel reparto. Situazione delicata dunque, con alternative che venendo meno potrebbero costringere di fatti lo sloveno a rimanere e rinnovare suo malgrado con l’Inter. Ma il sogno Perin resta forte e sabato sera, fra uno Iago ed un Perotti, il discorso verrà senza dubbio aperto. L’Inter potrebbe dunque ritrovarsi con un reparto totalmente italiano come non accade da quasi 15 anni, visto il rinnovo di Berni e l’avvicendamento piuttosto probabile Carrizo-Mirante.