Pedullà: “Witsel OK, stand-by. Inter segreta su J. Mario, ma…”

Articolo di
14 luglio 2016, 23:54
Pedullà

Alfredo Pedullà – dopo aver fatto un ampio punto sul mercato dell’Inter per quanto riguarda difesa e attacco – in apertura di “Speciale calciomercato” su Sportitalia completa il discorso focalizzandosi soprattutto sul centrocampo: caldissimo il nome di Joao Mario, ma è caldo anche Witsel

SUNING, TUTTO SU JOAO MARIO – Trattativa sempre più calde e ore decisive, Alfredo Pedullà conferma: «Il mal di pancia di Roberto Mancini è un discorso di 5-6 giorni legato al mercato. L’Inter ufficialmente nega la missione dei due intermediari in Portogallo per Joao Mario, invece io ho accertato che loro sono là. L’Inter sa che domani chiude il mercato cinese, si vuole chiudere subito a 40 milioni di euro: offerta recapitata allo Sporting Clube de Portugal, Joao Mario ha dato il sì all’Inter. L’Inter è per la politica del silenzio, anche perché si tratta di un’operazione del gruppo Suning, che poi lo presterebbe all’Inter dopo averlo preso per lo Jiangsu. In Portogallo si dà l’affare già per chiuso, ma corrono troppo…».

BROZOVIC FRENA WITSEL – «Axel Witsel nella sua trasferta italiana ha detto tre cose: di non essere molto convinto del Napoli, di aspettare la Juventus e che sarebbe contento di approdare all’Inter. Il padre ha dato l’OK a Piero Ausilio per chiudere l’operazione, ma l’Inter non ha fretta, anche perché prima dovrebbe piazzare Marcelo Brozovic. Al momento Manolo Gabbiadini è in lista, ma non entra nell’operazione legata alla cessione di Davide Santon, che è secca. Sempre in stand-by Antonio Candreva. L’Inter aspetta il sì di Dodò alla Sampdoria: prestito oneroso con obbligo di riscatto, il giocatore chiede un po’ di tempo per capire se arriveranno altre proposte».