Pedullà: “Pioli non è Zurlì, ma farà bene all’Inter. Rodriguez…”

Articolo di
19 novembre 2016, 01:31
Pedullà

Alfredo Pedullà – dopo aver fatto il punto sul mercato dell’Inter – durante la diretta di “iPed” su Sportitalia dice la sua sul derby di domenica e in particolare sul ruolo fondamentale di Pioli, poi torna sulla campagna acquisti in vista di gennaio

FIDUCIA IN PIOLI – Anche Alfredo Pedullà si aggiunge alla lista di chi crede nel salto di qualità dopo il cambio in panchina: «Questo Milan-Inter è un derby illeggibile sotto ogni punto di vista: è impronosticabile. Ci sono possibilità che lo vinca il Milan, ma è un derby troppo aperto: recuperare Alessio Romagnoli può essere decisivo. Vedremo le scelte di Stefano Pioli: aspettiamo le decisioni definitive sulla formazione titolare, io mi fido di Pioli, che è un allenatore che mi è sempre piaciuto e ha sempre fatto il suo, inquadrando tatticamente tutte le squadre allenate. Non arriva Pioli Zurlì, ma sono certo che Pioli farà bene alla guida dell’Inter dando continuità alla squadra nerazzurra, a prescindere dal risultato del derby».

TERZINO CERCASI – «Ricardo Rodriguez ha quattro-cinque proposte che sta valutando, probabilmente andrà via dal Wolfsburg, ma non è detto che lo faccia a gennaio: esiste il problema terzino mancino all’Inter, sicuramente un esterno basso arriverà. Matteo Darmian o qualche altra situazione, a destra o sinistra qualcosa si farà: è un problema che l’Inter ha messo sotto la lente d’ingrandimento. Avendo 28-30 giocatori, se prima non cedi non puoi acquistare: sarà un mercato in equilibrio tra uscite ed entrate. A gennaio non puoi arrivare a 33-35 giocatori, prima devi cedere 4-5 pedine in esubero».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.