Pedullà: “Keita verso il Milan, occhio a Biglia! Conti-Inter…”

Articolo di
17 novembre 2016, 00:21
pedullà

Alfredo Pedullà – giornalista ed esperto di mercato – durante la diretta di “Calcio € Mercato” su Sportitalia parla del ruolo di Mirabelli al Milan, che può usufruire dei giocatori seguiti per l’Inter fino a qualche settimana fa: la prima beffa può essere Keita. L’Inter guarda altrove per gennaio

BEFFA MILANISTA FIRMATA MIRABELLI – Dopo il lungo inseguimento nerazzurro, Alfredo Pedullà sottolinea come al momento siano i colori rossoneri quelli più facilmente accostabili all’attaccante classe ’95 in forza alla Lazio: «C’è grande appeal per Keita Baldé, può essere il primo colpo del Milan: Massimiliano Mirabelli l’ha seguito a lungo per l’Inter e la stima tra i due è ricambiata. E’ normale che Mirabelli si porti i suoi appunti nella nuova società: li ha seguiti lui e poi ha cambiato squadra, sarebbe stato così ovunque. Mirabelli non poteva rifiutare la proposta del Milan come nuovo direttore sportivo, Piero Ausilio è rimasto deluso perché non pensava potesse esserci questa possibilità…».

MERCATO INTERISTA – «Lucas Biglia ha la stessa scadenza di Keita a giugno 2018, piace molto a Stefano Pioli: potrebbe andare bene all’Inter, ma anche al Milan e alla Juventus, quindi le occasioni ci sono. L’Inter a gennaio non può solo acquistare, deve pensare anche a cedere: che si fa con Geoffrey Kondogbia? Non si sa sa resta fino a giugno o va via a gennaio, spero non debba andar via Marcelo Brozovic al suo posto… Se escono tre-quattro giocatori, due-tre possono entrare. Non credo l’Inter riesca ad arrivare ad Andrea Conti, l’Atalanta a gennaio non cede: è un nome per l’estate. Serve un terzino (si parla sempre di Matteo Darmian), un difensore centrale (Victor Lindelof il preferito) ed eventualmente un centrocampista».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.