Ore calde per Caceres: l’Inter valuta anche tante alternative

Articolo di
10 ottobre 2016, 12:46
Caceres2

Martin Caceres potrebbe presto aggregarsi all’Inter per un primo periodo di prova. Il giocatore è apprezzato da Frank de Boer, che però ha dubbi sulla sua tenuta fisica. Ecco quanto si legge sul quotidiano “Leggo”.

CACERES«In casa Inter, il nome caldo per cambiare trend in difesa, dopo un avvio di stagione da incubo, e da 13 reti al passivo in 9 incontri ufficiali, è quello di Martin Caceres, svincolato di lusso e tesserabile da subito se Frank De Boer darà il suo ok. A favore dell’operazione, i costi, limitati esclusivamente all’ingaggio dell’ex Juventus e Barcellona (2 milioni) fino a giugno (più un’opzione per una seconda stagione), e la grande duttilità tattica del classe ’87 di Montevideo, utilizzabile sia da terzino destro che da marcatore centrale. Il grande dubbio è rappresentato, invece, dal tendine d’Achille dell’uruguagio, operato ai primi di febbraio e ragione del provino a cui lo stesso Caceres ha chiesto di sottoporsi nei prossimi giorni alla Pinetina per convincere De Boer e lo staff sanitario. Insomma, ore calde in entrata per l’Inter. Ma un acquisto, eventuale, che non precluderebbe altri innesti di spessore a gennaio.

LE ALTERNATIVESul versante terzini, in pole position c’è sempre Matteo Darmian, ai margini nello United (solo una presenza tra Premier e coppe) e pronto al rientro in Italia. L’idea di Ausilio è quella di trattare con l’amico Mourinho, sulla base del prestito con diritto di riscatto (sui 14/15 mln) condizionato alle presenze in nerazzurro dell’ex granata. La stessa formula che l’Inter avrebbe in mente anche per Aleix Vidal, identica valutazione e chiuso come Darmian al Barcellona. Più difficile, invece, ma sempre monitorato, Mimmo Criscito, per cui lo Zenit chiede 15 milioni cash. Quindi Jonas Hector, terzino sinistro del Colonia e visionato come i compagni di nazionale Weigl (mediano del Borussia Dortmund), Meyer (trequartista dello Schalke) e Leno (portiere del Bayer Leverkusen) contro la Repubblica Ceca».

Facebooktwittergoogle_plusmail