Messi-Inter si può, ma 2+2 non fa sempre 4: le insidie – SM

Articolo di
30 novembre 2016, 13:31
Messi

Le voci che vorrebbero Messi all’Inter devono scontrarsi con la realtà dei fatti: non è solo una questione economica, bisogna convincere tutti a dire sì al trasferimento e le insidie – come riportato da “Sport Mediaset” nell’edizione odierna del TG sportivo – sono molteplici

SOGNO MESSI ALL’INTER – Basta una dichiarazione di Marco Tronchetti Provera per far tornare a sognare i tifosi dell’Inter: il sogno si chiama Lionel Messi e non da oggi. La stella argentina del Barcellona già in passato è stato accostato all’Inter (era e resta il sogno anche di Massimo Moratti, ndr) tanto da aver “illuso” i tifosi nerazzurri scegliendo sempre l’Inter nelle sfide alla Play Station: basta questo per parlare di un suo futuro ad Appiano Gentile? Ovviamente no. Per vedere Messi con una maglia diversa da quella del Barcellona e della Nazionale Argentina serve ben altro, a partire da un enorme investimento economico sia per il cartellino sia per l’ingaggio.

CONCORRENZA IMPORTANTE – Il Suning Group dovrebbe sicuramente fare un sforzo economico importante sia per convincere il Barcellona a cedere il suo numero 10 sia per convincere Messi a scegliere l’opzione italiana e milanese, ma non solo. Il rinnovo di Messi tarda ad arrivare e per questo la concorrenza inizia a bramare il colpo: il Paris Saint-Germain ha già incontrato il padre-agente della “Pulce” e si sia che il problema economico non esiste per il primo sia che il secondo è molto attento a questi dettagli; inoltre Pep Guardiola, mentore di Messi, farebbe carte false per convincerlo a sbarcare in Inghilterra nel suo Manchester City, dove farebbe coppia con l’amico e connazionale Sergio “El Kun” Aguero. Resta il fatto che, anche offrendo cifre clamorose, potrebbe non bastare: due più due non fa sempre quattro.