Mercato Inter – Punto sulle trattative aggiornate al 31 agosto

Articolo di
31 agosto 2016, 01:20
speciale-calciomercato-estate-2016

Mercato in fermento, soprattutto per l’Inter. La finestra estiva del calciomercato termina oggi alle 23.00 e, attraverso la rubrica “Mercato Inter” di Inter-News.it, i lettori verranno aggiornati su tutte le trattative condotte nell’ultimo giorno dal DS Ausilio – sia in entrata sia in uscita – in accordo con la proprietà Suning e il neo tecnico de Boer

IN ENTRATA – Dopo il grande colpo Joao Mario a centrocampo, è stato annunciato anche il colpo Gabriel “Gabigol” Barbosa (Santos) in attacco, così ora l’Inter si concentra esclusivamente sulla linea difensiva, portieri esclusi, visto che il nome di Mattia Perin (Genoa) può tornare di moda per la prossima stagione. I centrali sul taccuino nerazzurro sono i soliti, ma ormai sembra impossibile concretizzare una di queste trattative: Ezequiel Garay (Zenit San Pietroburgo) è vicinissimo al Valencia, mentre Victor Lindelof (Benfica) potrebbe essere fattibile solo con un’operazione in prestito con riscatto e pagamento rateizzato nei prossimi esercizi. Per quanto riguarda i terzini, la situazione non è migliore: Stephan Lichtsteiner (Juventus) si è offerto all’Inter, ma la società bianconera nega ogni tipo di trattativa agli acerrimi rivali nerazzurri – che potrebbero pensarci a parametro zero tra un anno -, mentre per Matteo Darmian (Manchester United) la pista sembra essersi chiusa dopo il no degli inglesi, che hanno tolto dal mercato il difensore scuola Milan. Il futuro di Domenico Criscito (Zenit) in Italia potrebbe essere al Napoli o alla Fiorentina, pertanto all’Inter resta il solo Martin Caceres (svincolato), jolly difensivo tesserabile anche dopo la fine del mercato e iscrivibile nella Lista UEFA. Non convince il nome di Cesc Fabregas (Chelsea) per il centrocampo, ma mai dire mai fino alle ore 23.00 di oggi. Infine, ufficializzato Rigoberto Rivas (Prato) per l’Inter Primavera, entro oggi si vuole chiudere per Leonardo Morosini (Brescia), che verrebbe lasciato un altro anno in prestito alle Rondinelle.

IN USCITA – Ufficializzata la cessione di Caner Erkin al Besiktas in prestito con diritto di riscatto, Davide Santon è ormai “costretto” alla permanenza, avendo incassato anche il no dello Sporting Clube de Portugal. Nelle prossime ore verrà ufficializzato anche il prestito di Eloge Yao, che ha scelto il Nizza rispetto alle destinazioni italiane. Nessuna novità, per ora, su Andrea Ranocchia, che resta sul mercato, ma nessuno si è ancora fatto avanti in maniera concreta. Tutte le attenzioni in questa giornata sono riversate su Marcelo Brozovic, che è l’ultimo obiettivo del Chelsea per rinforzare il proprio centrocampo: in Inghilterra sono certi del buon esisto dell’operazione, ma l’Inter non ha ancora ricevuto l’offerta monstre da Londra. Dovesse rimanere, non è da escludere una partenza a sorpresa nelle ultime ore (più Felipe Melo che Assane Gnoukouri, in quanto il mercato turco è solito sbloccarsi sul gong), mentre è difficile ipotizzare un addio last minute di Gary Medel, sebbene il Siviglia insista per riaverlo. In mattinata Inter e Reggina concluderanno le ultime trattative, dopo aver già ufficializzato il prestito di Morten Knudsen: attesi in Calabria anche Andrea Romanò, Christian Silenzi e Vincenzo Tommasone. Infine, si blocca la trattativa per il ritorno di Stevan Jovetic alla Fiorentina, che non è intenzionata a pagare tutto l’importante ingaggio al montenegrino e probabilmente ad accollarsi tutto l’obbligo di riscatto dell’Inter: l’operazione potrebbe sbloccarsi proprio nelle ultime ore, se l’input partisse direttamente da Jovetic.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.