Mancini pone le condizioni, ma l’Inter ha queste alternative

Articolo di
29 luglio 2016, 12:53
Roberto Mancini

Filtrano alcune indiscrezioni sull’incontro avvenuto ieri fra Steven Zhang, figlio del presidente di Suning Group Zhang Jindong e Roberto Mancini. Secondo il “Giornale” il tecnico, insoddisfatto per alcune situazione in casa Inter, avrebbe posto alcune condizioni, ma la società avrebbe già pronta una lista di nomi nel caso di un suo addio anticipato alla panchina nerazzurra

AUT AUT ALLA SOCIETA’ – Marco Lombardo ha spiegato che Mancini ieri avrebbe incontrato prima Steven Zhang e poi, da solo, Erick Thohir. Al termine nessuno dei partecipanti a queste riunioni avrebbe rivelato eventuali sviluppi, ma sembra sia atteso un nuovo e decisivo chiarimento fra le parti. Secondo il giornalista, la ragione principale dei malumori di Mancini deriverebbe dal ruolo di Thohir e Bolingbroke, tanto da aver posto una “una specie di aut aut a Zhang: «O me con garanzie e poteri, o Thohir e Bolingbroke».”

IPOTESI – Come rivela Lombardo, “Suning, sentito Thohir, ha ad un certo punto pensato anche di avviare la strada dell’esonero per giusta causa. Mancini però non ha mai detto o fatto qualcosa oltre ad esternare il suo malumore per dare adito alle vie legali. Praticamente un boomerang. E dunque è (stato) il momento della verità. Ieri sera c’erano in ballo ancora tutte le ipotesi: Mancini resta, arriva Leonardo (ancora in pole position, scelto da Moratti), ipotesi De Boer (dei cinesi), telefonata a Bielsa di Zanetti (due giorni fa). Il tutto già sapendo che tra un anno quasi certamente arriva Simeone.”