L’offerta cinese per Icardi non è stata manco presentata – TS

Articolo di
17 gennaio 2017, 13:04
Icardi e Wanda a San Siro

Un intermediario del Tianjin ha contattato l’entourage di Mauro Icardi, ovvero Wanda Nara, che non ha nemmeno preso in considerazione l’offerta. Ecco perché la proposta ufficiale non è mai arrivata poi all’Inter. Questo è quanto si legge su “Tuttosport”.

IL QUADRO – «Una e-mail, subito cestinata. Wanda Nara (stavolta) non è caduta in tentazione. Mauro Icardi ha così sbattuto la porta in faccia alla Cina. Là, nella migliore delle ipotesi, andrà a fine carriera come spiegato sabato dopo aver matato il Chievo. E pazienza se il Tianjin Quanjian di Fabio Cannavaro – alla disperata ricerca di un centravanti (nel mirino restano Kalinic e Belotti) – era pronto a fare ponti d’oro per il capitano dell’Inter. L’abboccamento orchestrato da parte di un mediatore è stato stoppato sul nascere e nessuna proposta è arrivata in società. Anche perché, semmai Icardi avrebbe voluto approfondire l’argomento, l’altolà sarebbe arrivato da un altro cinese, ovvero Jindong Zhang: la clausola rescissoria valida solo per l’estero da 110 milioni inserita al rinnovo del contratto, è in vigore dal 30 giugno al 15 luglio. L’Inter spera di non trovarsi mai di fronte a un club disposto a onorarla: in quel caso l’ultima parola spetterebbe proprio a Icardi e, quanto accaduto tra Vardy e Arsenal, insegna come sia fondamentale contrapporre un progetto tecnico convincente a qualsiasi offerta stratosferica. E Suning, in tal senso, è garanzia di affidabilità».