L’ag. di Motta: “I complimenti di Mancini fanno piacere ma…”

Articolo di
15 maggio 2015, 13:21
Thiago Motta

Nelle ultime settimane si continua a parlare con sempre più insistenza del possibile ritorno di Thiago Motta all’Inter a tre anni e mezzo di distanza dal suo addio. Lo stesso Roberto Mancini nel corso di un’intervista pubblicata questa mattina da “Tuttosport” ha ammesso che l’italo-brasiliano sarebbe molto utile non chiudendo quindi le porte al suo arrivo che permettere alla squadra di fare un discreto salto di qualità in termini di qualità ed esperienza.

NESSUN CONTATTO – Per questa ragione la redazione di “Calciomercato.it” ha deciso di intervistare in esclusiva il procuratore del calciatore Alessandro Canovi che, pur apprezzando i complimenti arrivati dal tecnico nerazzurro, ha comunque specificato che ad oggi non ci sono stati contatti tra lui e l’Inter e che ogni discorso sul futuro del suo assistito verrà rimandato al termine di questa stagione: “Quando un tecnico come Blanc dice che Thiago è il DNA del gioco del Psg e un altro come Mancini dice pubblicamente le cose che ha detto, si capisce che tipo di giocatore è Motta. Ha fatto, e sta continuando a fare, qualcosa di importante, è un giocatore di assoluto livello. Tutti gli allenatori che hanno avuto la fortuna di allenarlo, non si discostano molto da questi giudizi. Con l’Inter non c’è nulla e non ho ancora parlato con i parigini. Tutto è rimandato alla fine della stagione”.

OPERAZIONE RISCHIOSA – Il contratto di Thiago Motta scadrà nel giugno del 2016 e la società di Corso Vittorio Emanuele II potrebbe quindi riuscire ad acquistarlo per una manciata di milioni anche se, da questo punto di vista, rimangono dei dubbi per quanto riguarda la possibilità di ingaggiare un calciatore che il prossimo 28 agosto compirà trentatré anni, che vorrà certamente ricoprire un ruolo da protagonista. Sopratutto considerando il possibile arrivo di Yaya Touré ad Appiano Gentile andando a formare quella che sarebbe una mediana dall’età media un po’ troppo elevata.