Jovetic su asse Inter-Fiorentina: Ausilio e Ramadani a colloquio

Articolo di
29 novembre 2016, 18:29
Jovetic

Il futuro di Jovetic all’Inter è sempre in discussione, su di lui c’è sempre l’ombra dell’ex Fiorentina: come riportato dal portale “CalcioMercato.com”, poco fa c’è stato un contatto diretto tra l’agente Ramadani e il DS nerazzurro Ausilio

JOVETIC IN USCITA – Dopo aver incontrato il proprietario Jindong Zhang per programmare il mercato di gennaio, nel pomeriggio il Direttore Sportivo Piero Ausilio ha concesso il bis a Fali Ramadani, agente molto vicino a Kia Joorabchian – pari ruolo nonché intermediario di fiducia del Suning Group -, e nella chiacchierata si è parlato ovviamente della finestra invernale. Tra i giocatori rappresentati da Ramadani, infatti, figura Stevan Jovetic, portato all’Inter proprio dal forte agente anglo-iraniano, con il quale Ausilio ha già dichiarato di avere ottimi rapporti. In queste settimane bisogna trovare una situazione per risolvere i malumori comuni: l’Inter deve sfoltire la rosa, Jovetic vuole giocare.

FIORENTINA IN PRESSING – Arrivato all’Inter – in prestito con obbligo di riscatto dal Manchester City – per essere protagonista, Jovetic non solo non è titolare, ma fatica perfino a trovare spazio partendo dalla panchina, pertanto sarebbe desideroso di lasciare Milano già a gennaio. A chiedere nuovamente le sue prestazioni sportive è il Direttore Generale Pantaleo Corvino, colui che portò Jovetic in Italia: il desiderio è quello di vestire nuovamente di viola la seconda punta montenegrina. La Fiorentina non vuole bucare il colpo come in estate anche per evitare di creare ulteriori malumori nella piazza, pertanto Ramadani e Corvino sono già a lavoro per trovare l’accordo. Ora bisogna capire che intenzioni ha l’Inter, sempre restia a regalare i propri giocatori alle dirette avversarie. L’incontro tra Ausilio e Ramadani è servito per aggiornarsi sulla situazione.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.