Inter attenta, Ivanovic come Vidic? Ma vale la pena provarci

Articolo di
2 dicembre 2015, 11:22
Branislav Ivanović Chelsea

Si parla sempre di più in queste ore, in particolar modo in Inghilterra, di un possibile accordo fra Ivanovic e l’Inter. Addirittura un pre-contratto, un legame vero e proprio lo si potrà stipulare non prima del 2 gennaio. Un affare che ricorda molto quello che più di un anno fa portò Vidic in nerazzurro.

UGUAGLIANZE E DIFFERENZE – La prima incongruenza sarebbe di natura anagrafica: Ivanovic giungerebbe a Milano con un anno in meno rispetto al connazionale e, superati i 30 anni, è un qualcosa che fa la sua differenza. Seconda discrepanza, di natura tattica: Ivanovic ormai da anni gioca terzino destro, può benissimo disimpegnarsi come terzo di destra in una difesa a tre o all’occorrenza come centrale che, col passare degli anni, può diventare il ruolo ideale per allungarne la carriera. Defilato in fascia, può dunque patire meno l’ambientamento ad un calcio differente. Ivanovic è sano ed arriva da 5 stagioni dove ha giocato una media 50 partite l’anno, segnando tra l’altro diverse reti: Vidic è arrivato all’Inter con 50 partite sì, ma totalizzate negli ultimi 3 anni in Premier.

E’evidente dunque come vi sia fino ad un certo punto un paragone realistico fra i due casi: Ivanovic a zero sarebbe una grandissima opportunità. A livello tattico, economico, oltre che di esperienza e mentalità vincente a livello internazionale.