Icardi lotta per l’Inter, ma il Napoli non si arrende – CdS

Articolo di
14 agosto 2016, 07:50
Mauro Icardi Tottenham-Inter

Secondo quanto riferisce il “Corriere dello Sport”, il Napoli continua con il suo pressing per Mauro Icardi. Senza tener conto della volontà dell’Inter – secondo cui il giocatore è incedibile – il presidente degli azzurri continua a spingere per il giocatore, che nel frattempo contro il Celtic è tornato a essere un punto di riferimento per la squadra

PUNTO DI RIFERIMENTO – Mauro Icardi gioca per l’Inter. A otto giorni dall’inizio del campionato, dopo le rassicurazioni di Thohir al calciatore e all’ambiente, ma anche dopo il secco no di Ausilio all’offerta presentata venerdì dal Napoli, il numero 9 nerazzurro è andato in campo fin dall’inizio nella sfida contro il Celtic. L’argentino si è impegnato, ha corso molto e ha confezionato l’assist del 2-0 nerazzurro.  Maurito è tornato ad essere un punto di riferimento in campo per la squadra. Per l’Inter il caso è chiuso. Anzi, per i dirigenti non si è mai aperto perché, assicurano, non hanno mai avuto la volontà di cedere il loro bomber. Presa di posizione ufficiale e inevitabile”.

NAPOLI IN ATTESA – Il Napoli però è sempre lì, presente più che mai con quell’offerta da sessanta milioni più due di bonus. Altro non c’è da fare, se non aspettare che arrivi un segnale, dall’Inter, da Icardi, per poi procedere. De Laurentiis non indietreggia, semmai insiste, rimane sulle proprie radicate convinzioni che si possa continuare a dare un senso a questa trattativa”.

PROPOSTE INDECENTI – “Sul tavolo ci sono i soldi che il Napoli ha presentato con una serie di proposte scioccanti: i sei milioni e mezzo di euro (con i vari bonus) per Icardi, i sessanta milioni che De Laurentiis raggiungerebbe per regalarsi il centravanti che piace a Sarri. La fretta, che è cattiva consigliera, è stata azzerata sin dal primo momento attraverso una strategia che non contempla scadenze immediate: basta un cenno, anche nell’ultima settimana del mercato, per mettere nero su bianco e chiuderla”.

Facebooktwittergoogle_plusmail