Gabigol via dall’Inter a gennaio? Non esiste: ecco lo scenario

Articolo di
16 novembre 2016, 01:06
Gabigol

Che l’Inter abbia deciso di puntare forte su “Gabigol” Barbosa si è capito dall’investimento economico fatto in estate, ma anche dalla gestione premurosa attuata da de Boer nei suoi primi mesi italiani. Sebbene si parli di addio già a gennaio, Fabrizio Romano – giornalista di “Sky Sport” – in un articolo sul portale “CalcioMercato.com” chiarisce che la sua posizione a Milano è piuttosto salda

ADDIO NON CONSIDERATO – Le ipotesi sull’addio di Gabriel “Gabigol” Barbosa all’Inter durante la finestra invernale del mercato non trovano fondamento: né prestito in Italia né cessione definitiva all’estero. Si è parlato di prestito in direzione Bologna o Empoli (ma anche Pescara, ndr), ma al momento non ci sono possibilità perché Gabigol non ha intenzione di lasciare temporaneamente Milano: l’idea del prestito non esiste nella testa del classe ’96 brasiliano, che vuole dimostrare tutto il suo talento in maglia nerazzurra. L’unica volontà di Gabigol si chiama Inter, non c’è ipotesi che tenga: né BarcellonaChelsea, figuriamoci il Leicester City.

DUE ESEMPI ILLUSTRI – Gabigol fa parte del progetto nerazzurro e soprattutto del progetto Suning, che ha imposto al neo tecnico Stefano Pioli di utilizzarlo maggiormente per esaltarne le qualità: Pioli lo apprezza e, dopo aver svezzato Felipe Anderson alla Lazio, è pronto a fare il bis con l’altro ex Santos oggi in forza all’Inter. Inoltre non manca la fiducia del Direttore Sportivo Piero Ausilio, che proprio nelle ultime ore ha sottolineato l’errore dell’Inter nella frettolosa cessione di Coutinho: con Gabigol non sarà permesso un altro passo falso. Per vedere Gabigol protagonista con la maglia dell’Inter bisogna solo aspettare il momento giusto: arriverà presto, senza cambiare aria.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.