Dall’Inghilterra: Mancini insiste per Lamela

Articolo di
30 aprile 2015, 14:01
Lamela liste

L’Inter è alla continua ricerca di un attaccante che possa sostituire Lukas Podolski e dare il cambio a Rodrigo Palacio nel corso della prossima stagione; il “sogno” Dybala diventa sempre più improbabile a causa delle altissime richieste da parte del Palermo mentre Jovetic funzionerebbe bene in caso di conferma del 4-3-1-2 ma non convince nel ruolo di esterno offensivo. Motivo per il quale, secondo il London Evening Standard, Roberto Mancini avrebbe chiesto al suo direttore sportivo Piero Ausilio di provare a portare ad Appiano un altro ex della Serie A immigrato in Inghilterra, ovvero Erick Lamela.

ACQUISTO FLOP – Acquistato dal Tottenham nell’estate del 2013 per poco più di 30 milioni di euro, l’argentino ha fatto tantissima fatica ad ambientarsi in Premier League tirando fuori una prima stagione a dir poco pessima con la maglia degli Spurs portando così gran parte dei tifosi e degli addetti ai lavori a bollarlo come uno dei più grandi flop del calcio inglese. Le cose per lui sembrano essere leggermente migliorate dopo l’arrivo in panchina di Mauricio Pochettino (42 presenze e 5 gol in tutte le competizioni finora) ma non abbastanza per meritarsi un posto fisso da titolare e una conferma certa per il prossimo anno con il club del presidente Levy che, da questo punto di vista, avrebbe già iniziato a cercare dei possibili sostituti come ad esempio Yarmolenko della Dinamo Kiev e Jay Rodriguez del Southampton.

POSSIBILE RINFORZO PER MANCINI – In questo contesto si sarebbe inserita proprio l’Inter, convinta di poter recuperare il ragazzo facendolo tornare il giocare ammirato nella sua ultima stagione a Roma. L’idea dei nerazzurri sarebbe quella di provare ad acquistarlo con la formula del prestito oneroso con diritto o obbligo di riscatto per circa 15 milioni, una cifra che permetterebbe così ai londinesi di non fare minusvalenza dalla sua cessione. Rimane comunque qualche dubbio per quanto riguarda il possibile ruolo dell’argentino nell’undici di Mancini considerando che le sue migliori prestazioni le ha sempre tirate fuori partendo largo a destra per poter così sfruttare il suo sinistro (praticamente le stesse identiche caratteristiche di Xherdan Shaqiri).

Facebooktwittergoogle_plusmail