Dalla Spagna: anche Mancini tra i possibili sostituti di Ancelotti

Articolo di
14 maggio 2015, 13:53

Dopo l’eliminazione subita in semifinale di Champions League contro la Juventus l’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti sembra avere ormai le ore contante; il tecnico italiano infatti chiuderà questa stagione avendo portato a casa il solo Mondiale per club, davvero una miseria per una squadra i cui obiettivi stagionali erano la conquista dell’undicesima Coppa Campione o addirittura del Triplete.

IPOTESI IRREALE – Da questo punto di vista il quotidiano spagnolo Mundo Deportivo ha provato a stilare una lista dei possibili candidati per sostituire l’ex manager di Chelsea e Paris Saint-Germain e tra di loro ci sarebbe addirittura Roberto Mancini. Ovviamente si tratta solo di una semplice indiscrezione nata dagli apprezzamenti del presidente delle Merengues Florentino Perez nei suoi confronti, visto che il Mancio ha firmato un contratto fino al 30 giugno del 2017 e quindi molto difficilmente il club madrileno deciderà di iniziare un’altra trattativa per svincolare l’allenatore di un’altra squadra dopo quella, proprio con l’Inter, che portò José Mourinho al Bernabeu nell’estate del 2010. Molto più verosimile che il Real punti invece su un tecnico libero da qualsiasi tipo di vincoli contrattuali come ad esempio Jurgen Klopp o Rafa Benitez; senza poi dimenticare la possibile soluzione “casalinga” con Zinedine Zidane che potrebbe passare dalla panchina del Castilla (la seconda squadra dei blancos che milita attualmente nelle terza divisione spagnola) a quella della prima squadra insieme ad altre due ex leggende del club, ovvero Fernando Hierro e Raul. Detto questo, il semplice fatto che Mancini sia stato comunque inserito tra i nomi dei possibili sostituti di Ancelotti dimostra comunque la grandissima considerazione a livello internazionale del nostro attuale allenatore, sperando magari che questo suo appeal possa aiutare i nerazzurri ad attirare giocatori di un livello superiore rispetto a quelli arrivati ad Appiano negli ultimi anni.