CM: almeno uno tra Dodò, Nagatomo e D’Ambrosio partirà

Articolo di
6 giugno 2015, 15:39
nagatomo

Secondo quanto riporta la redazione di “Calciomercato.com” Davide Santon sembra essere al momento l’unico terzino dell’Inter certo di rimanere con il tecnico Roberto Mancini che, da questo punto di vista, avrebbe chiesto alla sua dirigenza di acquistare almeno altri due uomini per rinforzare le corsie di difesa a causa delle prestazioni decisamente poco convincenti da parte dei vari Dodò, Nagatomo e D’Ambrosio.

UNO O DUE PARTIRANNO – Nel computo dei terzini non vanno considerati Jonathan e Hugo Campagnaro i cui contratti, in scadenza a fine mese, non verranno certamente rinnovati. Discorso diverso invece per gli altri tre il cui futuro sembrerebbe essere strettamente legato alle offerte che arriveranno al club nerazzurro nelle prossime settimane. Se dipendesse dal Mancio D’Ambrosio sarebbe certo della riconferma grazie alla sua duttilità e al fatto di poter essere inserito nella lista dei giocatori cresciuti in un vivaio italiano (anche la Serie A inizierà ad adottare questa regola imposta dalla UEFA per quanto riguarda le coppe europee) ma il classe ’88 è al momento uno dei elementi della rosa maggiormente richiesti e quindi potrebbe anche essere sacrificato nel caso in cui la società non riuscisse a cedere nessun altro. Situazione completamente opposta per Nagatomo che invece dovrebbe rimanere, nonostante il parere negativo del tecnico, a causa del mercato praticamente inesistente del laterale giapponese (pare che il suo entourage abbia fatto letteralmente fuggire i pochi club interessati a lui chiedendo 3 milioni netti di stipendio). Rimane infine Dodò che non potrà essere ceduto a causa dei 9 milioni investiti la scorsa estate per portarlo ad Appiano Gentile e lascerà quindi la squadra solamente con la formula del prestito secco annuale o biennale (si parla di un possibile ritorno in Brasile).