Ceccarini: “Inter, Thohir parla di J. Mario! Poi una sorpresa o…”

Articolo di
11 agosto 2016, 23:32
Niccolò Ceccarini

Niccolò Ceccarini – giornalista di “Premium Sport” – nel consueto appuntamento odierno nel corso della rubrica “Dietro le quinte – Speciale Estate” sulle frequenze di TMW Radio ha provato a tradurre in trattative le ultime dichiarazioni di Thohir, oltre a fare il punto sulle altre trattative dell’Inter

JOAO MARIO PRIMO NOME – Non ha dubbi sul primo grande colpo nerazzurro Niccolò Ceccarini: «Credo che uno dei due acquisti ‘annunciati’ da Erick Thohir sia proprio Joao Mario: l’Inter proverà a chiudere l’affare con lo Sporting Clube de Portugal. Il club nerazzurro vuole il calciatore lusitano, servono almeno 50 milioni perché il ragazzo ha una clausola rescissoria di 70 milioni, ma la missione interista è finalizzata alla chiusura dell’operazione, che magari potrebbe essere fatta con il prestito oneroso e obbligo di riscatto. Joao Mario potrebbe escludere l’arrivo di Luiz Gustavo. Marcelo Brozovic potrebbe partire se dovesse arrivare una offerta importante».

POI GABIGOL O SORPRESA – «L’altro nome per l’Inter potrebbe essere quello di Gabigol, o magari un altro nome non ancora uscito sui giornali. La Juventus è arrivata prima di tutti su Gabigol, offrendo 18-20 milioni al Santos. L’Inter ha successivamente offerto 25 milioni, ma con l’addio di Simone Zaza i bianconeri potrebbero muoversi con decisione. Non è una situazione da escludere, mentre l’attaccante deciderà dopo le Olimpiadi. Zaza sta prendendo in considerazione l’ipotesi Wolfsburg, che porterebbe nelle casse della Juventus 25 milioni più bonus. Magari in quella operazione si potrebbe parlare di Luiz Gustavo, anche se gli affari sarebbero slegati tra loro. Credo che il Napoli abbia le idee molto chiare: vuole Mauro Icardi per sostituire Gonzalo Higuain, anche se l’Inter non vuole cedere l’ex Sampdoria. Il calciatore vuole il rinnovo, ma l’Inter l’ha posticipato a settembre».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.