Bologna in pressing su Biabiany: ecco quanto vuole l’Inter

Articolo di
26 dicembre 2016, 11:39
Biabiany

Uno dei giocatori più accreditati per lasciare l’Inter nel mese di gennaio è sicuramente Jonathan Biabiany. L’esterno francese potrebbe restare sempre in Serie A, con la corte di Bologna e Torino. Andiamo a leggere la sua situazione, secondo quanto riportato dal “Corriere della Sera”.

SPONDA BOLOGNA – «Tutta la verità su Jonathan Biabiany e il Bologna. Il primo punto è conosciuto da tutti, Roberto Donadoni vuole il giocatore e il giocatore vuole Donadoni. Ora più che mai, dopo che lo stesso Biabiany ha capito che anche con Pioli farebbe fatica a ritagliarsi spazi con una certa continuità. Il secondo riguarda il Bologna e l’Inter, e qua siamo inevitabilmente al gioco delle parti, perché se ascolti una campana ti fai un’idea, se ascolti l’altra finisce che non sai più a chi credere. Il discorso è questo: da Casteldebole fanno sapere che l’Inter vuole monetizzare da subito e chiede sui 4 milioni di euro per il cartellino dell’esterno francese, con la conseguenza che l’affare diventa complicato, alla luce del fatto che i numeri del budget sono bassi. Come dire: o il Bologna vende qua l cuno (Oikonomou? Mbaye? Donsah?) o Biabiany non potrà essere chiuso.

SPONDA INTER – Di contro da casa Inter arrivano informazioni differenti. Queste: il Bologna trovi l’accordo con Biabiany e poi vedrete che con Fenucci e Bigon un’intesa la troveremo. Magari ricorrendo alla soluzione del prestito con obbligo di riscatto a giugno. Qual è lo scenario che più si avvicina a come stanno veramente le cose? Ora, da che mondo è mondo la squadra dove andare a giocare la sceglie sempre il giocatore e per certi verso la società ha le mani legate, ma per quanto riguarda Biabiany il Bologna non avrà vita facile. Perché se da una parte è vero che l’agente dell’esterno francese è lo stesso di Donadoni, e cioè Giovanni Branchini, da un’altra è altrettanto vero che sul giocatore c’è anche Urbano Cairo, che da sempre ha rapporti meravigliosi con lo stesso procuratore. Morale: questa amicizia di lunga data tra Cairo e Branchini complicherà almeno in parte le speranze del Bologna, anche perché dovunque andrà, Biabiany cadrà in piedi».