Berardi, Inter supera Juve grazie a Suning: 3 i motivi

Articolo di
10 ottobre 2016, 23:48
Berardi

Il mercato italiano è pronto ad accendersi, anzi riaccendersi dopo il caos estivo: Inter e Juventus insistono per Berardi, ma – come riportato dal portale “CalcioMercato.com” – la nuova politica del gruppo Suning è uno dei motivi che oggi vede i nerazzurri in vantaggio

SUNING CAMBIA TUTTO – Continua la sfida tra Inter e Juventus per assicurarsi Domenico Berardi, ma la situazione a distanza di qualche mese è cambiata: Zhang Jindong, a differenza di Erick Thohir, è pronto a spendere qualsiasi cifra in contanti e questa nuova politica piace al Sassuolo, mentre nel frattempo la Juventus ha perso la prelazione sul classe ’94 calabrese. Adesso i rapporti tra Inter e Sassuolo sono ottimi, invece il Direttore Sportivo Piero Ausilio non ha mai cambiato idea: stima Berardi sia come uomo sia soprattutto come calciatore, avendo avuto modo di parlarci più volte personalmente a differenza del collega bianconero Beppe Marotta, che ha sempre puntato sulla corsia preferenziale del Sassuolo.

TRE MOTIVI PER IL SI – Se prima la Juventus sembrava favorita per il solito discorso dell’asse Sassuolo-Juventus, adesso è l’Inter a essere in vantaggio per acquistare Berardi. I motivi sono molteplici: 1. Berardi è da sempre tifoso interista, pertanto il suo sogno è vestire la maglia dell’Inter; 2. Ausilio ha assicurato a Berardi che il gruppo Suning vuole puntare sui giovani italiani di miglior talento e proprio lui è l’obiettivo numero uno; 3. la disponibilità economica dell’Inter, che ha ammorbidito il Sassuolo, adesso pronto a trattare con l’Inter la cessione di Berardi. Alla fine, chi la spunterà tra Inter e Juventus?

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.