Vieri: “Io e Ronaldo i più forti di sempre all’Inter. Il 5 maggio…”

Articolo di
7 aprile 2017, 20:24
Vieri

Christian Vieri, storico ex attaccante nerazzurro, ha rilasciato una lunga intervista in cui ha parlato dettagliatamente della sua avventura all’Inter ed anche del famigerato e doloroso 5 maggio

VIERI E L’INTER – Christian Vieri, ex attaccante di Inter e Juve, ha parlato ai “Signori del calcio”, a “Sky”. Queste le parole riportate da “Calciomercato.com”: «All’Inter sono stati sei anni molto intensi, perché dovevamo vincere e non eravamo attrezzati per farlo. Juve e Milan erano più forti di noi, però era da tanto che l’Inter non vinceva, quindi c’era tanta pressione su di noi da parte di tutto l’ambiente e a volte facevo fatica. Abbiamo perso uno Scudetto da soli, il 5 maggio, ed è stato molto pesante. Secondo me se avessimo vinto lì, sarebbe cambiato tutto. E invece Ronaldo è andato via, Cuper dopo 4 mesi è andato via, tanti giocatori sono andati via. Eravamo sempre a cambiare, secondo me cambiavamo troppo. Non eravamo mai “stabili” e secondo me per vincere ci devono essere una società e una squadra stabili, non puoi cambiare sempre (…) Io sono contento perché ho dato tutto quello che avevo. Quando giocavamo, c’erano sempre 70-80 mila persone, lo stadio era sempre strapieno, era perfetto, tutto bello, quindi c’era in teoria tutto per vincere, no? Però non si è mai vinto».

SU RONALDO – «Peccato che non abbiamo giocato molto insieme e che ci siamo fatti male. Ci facevamo male una volta lui, una volta io; una volta lui, una volta io. Non abbiamo mai giocato 20-30 partite insieme. Però eravamo la coppia dei sogni, perfetti (…) Io l’avevo detto al Presidente: “Non cederlo, non cederlo! Ha vinto il Mondiale e lo cedi ora? Lo stiamo aspettando e lo cedi ora? E io che faccio qua?”. Però era o lui o Cuper, no? Quello che eravamo io e Ronaldo all’Inter rimane e rimarrà per sempre! Cioè, i due più forti che l’Inter abbia mai avuto, non ci sono tanti giri di parole!».

LE INTERCETTAZIONI – «Poi ho scoperto le intercettazioni, i pedinamenti. Non ce n’era proprio motivo: tutti sapevano cosa facevo, tutti sapevano quanto mi allenavo. Che facevo? Non facevo niente! Tutti dicevano che Vieri usciva la sera. Solo la domenica uscivo, come tutti. Quindi non c’era nessuna cosa per far sì che mi dovessero intercettare o pedinare, non c’era un perché. Poi ho fatto quasi un gol a partita, quindi che motivo c’era? Quella parentesi purtroppo fa parte della mia vita nell’Inter, però io guardo alla parte di quei sei anni in cui ho giocato, i compagni, i gol, anche le sconfitte. Tutto quanto è sempre e comunque bello, perché giocare titolare nell’Inter è sempre una cosa importante. Con il tempo tutto passa? Ma sì, ormai non ci penso più. E’ successo e se mi chiedete il perché, non ne ho idea. Se ho perdonato il Presidente Moratti? Ma sì, è stato il mio Presidente per sei anni, mi ha comprato a 90 miliardi, mi ha fatto dei contratti alti e gli sarò sempre riconoscente per questo. Poi, per il resto, è andata come è andata. Cosa posso fare? Quando è venuta fuori la cosa, avrebbe dovuto quantomeno chiamarmi per dirmi: “Vieni da me, ho fatto questo, questo e quest’altro, mi dispiace”. Io avrei fatto così, io se sbaglio chiedo scusa, però non l’ha fatto e va bene così, non c’è problema. Ho fatto 132 gol e gli ho fatto vendere tante magliette col numero 32! Quindi, ho la coscienza a posto».