Inter, il ricordo di N’Diaye: “Il Mazembe arrivò stanco in finale”

Articolo di
12 dicembre 2015, 12:58
Campioni del mondo Inter

Il mazembe è di nuovo, 5 anni dopo, alla fase finale del Mondiale per Club. Fu uno dei miracoli sportivi più grandi nella storia dell’Africa, quando riuscirono ad arrivare sino all’atto conclusivo della manifestazione contro l’Inter. Evidentemente stanchi ed appagati, secondo l’ex tecnico N’Diaye.

TROPPA FESTA – Queste le parole all’Equipe dell’ex allenatore della squadra del Congo: “Iniziammo a prepararci negli Emirati Arabi Uniti. La squadra, nel 2010, era al suo apice. Penso che ai quarti il nostro avversario ci abbia sottovalutato, mentre in semifinale capii subito che sarebbe stato complicato, perché alle prima azione dell’Internacional de Porto Alegre non toccammo letteralmente palla. Abbiamo avuto bisogno di un miracolo del nostro portiere, che del resto fu eccezionale quella notte. Questa azione, se si fosse concretizzata in gol, ci avrebbe demoralizzato, ma invece siamo riusciti a andare sullo 0-0 all’intervallo mettendo più di un dubbio nella testa dei brasiliani. Kidiaba continuò ad essere imbattibile, poi segnammo con Kabangu. Dopo essersi qualificati per la finale i giocatori festeggiarono troppo quel traguardo, e non ebbero il tempo di recuperare bene per l’ultima partita contro l’Inter”.

Ecco perché…